HP Envy x2, tablet ibrido con Atom Clover Trail e look da Ultrabook - la recensione

L'Envy x2 di HP unisce i materiali e la cura dei dettagli della fascia Ultrabook in un formato ibrido con un hardware Atom, più economico e meno esoso di corrente degli Intel Core.

HP Envy x2: la recensione

Windows 8 ha dato nuovi stimoli a un mercato in declino, ma dall'ottobre scorso ad oggi non si può dire che tablet, ibridi, convertibili e laptop touch abbiano realmente cambiato le cose. Di sicuro l'OS "ibrido" di Redmond ha contenuto i danni, avviando un processo di trasformazione che ha ridotto il gap cogli OS mobili di Apple e Google.

Sul mercato sono apparse tante soluzioni interessanti, anche creative, ma come tutte le prime generazioni sono quelle che più incarnano i pregi e i difetti di un cambiamento radicale. Qualche mese fa abbiamo dato un'occhiata al Dell XPS 12, un Ultrabook da oltre mille euro con Intel Core i5 e i7, ma c'è chi ha tentato anche una strada intermedia come HP che con il suo Envy x2 affianca materiali, estetica e funzionalità da Ultrabook moderno a un cuore Atom più economico e meno assetato.

Oggi diamo uno sguardo da vicino all'Envy x2, un ibrido tablet-laptop da 11,6" con tastiera-dock completamente rimovibile lanciato a gennaio con prezzi a partire da 900€, ma che grazie ai recenti tagli ora è possibile acquistare per circa 500€, lo stesso prezzo che occupava qualche settimana lo sfortunato Surface RT di Microsoft.

HP Envy x2: la scheda tecnica

HP Envy x2: la recensione

  • modello: Envy x2 11-g001el

  • formato: ibrido tablet/laptop

  • schermo: IPS HD BrightView 11,6" 1366x768

  • CPU: Intel Atom Z2760 Clover Trail (dual-core 1,8GHz)

  • GPU: Intel HD Graphics integrata nella CPU

  • RAM: 2GB DDR2 @533MHz

  • storage: 64GB SSD

  • audio: stereo Beats Audio

  • fotocamere: 8MP e 2MP

  • connettività: Wi-Fi 802.11n, NFC, Bluetooth

  • porte sulla tastiera-dock: 2x USB 2.0, HDMI, audio 3,5mm, lettori SD e Micro SD

  • porte sul tablet: audio 3,5mm

  • peso: 1,41Kg

  • OS: Windows 8

Tablet-laptop o laptop-tablet?

HP Envy x2: la recensione
HP Envy x2: la recensione

Ci sono tanti modi per progettare una macchina ibrida tra i formati tablet e laptop, ma il risultato tende sempre in un modo o nell'altro a favorire l'una o l'altra forma. Se il Dell XPS 12 era inequivocabilmente un laptop capace di sdoppiarsi in tablet (e non senza compromessi), nell'Envy x2 è vero l'esatto contrario: è una macchina che nasce come tablet, ma che a differenza dei Surface di Microsoft possiede una tastiera-dock di serie che una volta agganciata fa somigliare il tutto a un laptop tradizionale.

L'hardware che conta sta tutto nel corpo tablet: CPU-GPU, memoria, storage, batteria primaria, altoparlanti, tutto è contenuto sul retro dello schermo touch in uno chassis in alluminio sottile e molto curato nei particolari. Lo spessore è contenuto anche perchè le porte sono ridotte all'osso. Oltre al connettore per la tastiera-dock (che è anche il connettore per ricaricare il tablet) c'è solo un jack da 3,5mm per l'audio e due slot SD e Micro SD.

La connessione tra i due elementi è resa possibile da una cerniera solida, ma non al punto tale da eliminare completamente i giochi tra le due sezioni. Oltre a una tastiera chiclet di buona qualità a bordo del dock troviamo un touchpad di tipo clickpad, uscita HDMI, due porte USB 2.0, un altro jack audio e la porta per la ricarica.

Materiali da Ultrabook, hardware da netbook

Gli Intel Core i3, i5 e i7 servono bene la fascia laptop e Ultrabook, ma i consumi e i costi elevati di questi chip non vanno d'accordo con gli altri form factor. L'unica alternativa low-power di Intel è la famiglia Atom, che anche nell'ultima piattaforma Clover Trail non distanzia così tanto i vecchi chip che equipaggiavano i netbook di uno o due anni fa.

Per una macchina come l'Envy x2 per ora l'Atom Z2760 è tutto quello che passa in convento: due core Saltwell da 1,8GHz con Hypertreading (4 CPU virtuali) affiancati a una GPU PowerVR.

L'architettura del chip è ancora quella a 32-bit e di conseguenza non si può andare oltre i 2GB di RAM, un limite che inizia a star stretto anche su una macchina moderna. Hardware a parte, l'Envy x2 ha il feeling, la costruzione, la cura per il dettaglio e anche il look di una macchina di fascia alta.

Input, audio, schermo, ergonomia

HP Envy x2: la recensione
HP Envy x2: la recensione

La tastiera-dock dell'Envy x2 è ben realizzata e si fonde in modo omogeneo col corpo tablet. Il peso dei due elementi non è eccessivo (il dock comprende anche una seconda batteria) e presi separatamente sembrano piuttosto leggeri, ma una volta uniti ci si accorge che gli 1,41Kg dichiarato sono un po' al di sopra del peso ideale di una macchina da 12 pollici. In ogni caso il comfort di digitazione e il layout è molto buono, solo la disposizione delle frecce direzionali lascia un po' a desiderare (i due tasti su e giù occupano lo spazio di un singolo tasto).

L'audio è stereo e fuoriesce da una griglia sottile che percorre tutto il lato basso del tablet. La tecnologia usata da HP usa una licenza Beats Audio ma la resa sonica lascia un po' a desiderare visto che i bassi sono praticamente assenti. Lo schermo IPS da 1366x768 offre ottimi angoli di visualizzazione, colori vividi e buoni livelli di luminosità. La risoluzione è invece il minimo sindacabile per un laptop da 12" e inizia a star stretta quando si passa in modalità tablet e la distanza di visualizzazione si riduce.

L'ergonomia nel formato laptop non è molto differente da quella di qualsiasi altra macchina tradizionale. La digitazione o l'uso del touchpad non ne risente, ma l'unico lato negativo è la ridotta libertà di inclinazione dello schermo che si ferma ad angoli piuttosto chiusi. E' solo sganciando la tastiera però che ci si accorge di quanto sia comodo un form factor ibrido di questo tipo. La macchina diventa molto leggera e facile da maneggiare, ed è semplicemente il modo migliore per sfogliare la rete o utilizzare le apps mobili.

Prestazioni


E' evidente che l'Envy x2 non è nasce per giocare, se non con qualche app leggera dal Windows Store. Ma ci si può anche lavorare? Il formato è perfetto e apre la strada a una grande varietà di usi, ma le prestazioni dell'Atom Clovertrail sono quelle che sono.

I due core Saltwell arrancano anche sul web, quando si ha a che fare con multitasking (molte schede aperte) e contenuti dinamici. I 2GB di RAM di sicuro non aiutano e contribuiscono a restringere l'uso dell'Envy x2 a situazioni poco critiche, in cui più che la velocità e la reattività vengono favorite la versatilità, il relax e il comfort. Anche le prestazioni del piccolo SSD da 64GB non possono essere considerate stellari, decisamente lontane dagli standard degli SSD di grande formato.

Word processing, fogli elettronici, applicazioni leggere e chiaramente il web sono campi perfettamente alla portata della macchina. Photoshop e altre apps professionali possono girare, ma solo se ci si arma di pazienza e preferibilmente una versione più light.

Conclusioni

HP Envy x2: la recensione
HP Envy x2: la recensione

L'Envy x2 dimostra che Windows 8 quand'è accoppiato a un formato ibrido funziona, perchè riesce a muoversi agilmente da un formato all'altro come nessun'altro sistema operativo sul mercato, anche quelli che già da anni dominano il segmento touch. Come già detto in apertura però è piuttosto evidente che quello che ci troviamo davanti fa parte di una prima generazioni di prodotti che hanno ancora bisogno di essere perfezionati.

L'Atom è indubbiamente il limite più grande di questo ibrido, ma allo stesso tempo se fosse stato equipaggiato con una CPU Core avrebbe perso alcune delle sue qualità migliori. L'accoppiata del chip low power e le due batterie combinate offrono 10 ore di autonomia, che è un valore eccezionale per una macchina Windows. Bassi consumi che si riflettono anche sul raffreddamento, il tablet infatti non emette il minimo rumore grazie a un sistema di raffreddamento passivo che scambia il calore (mai eccessivo) con lo chassis in alluminio.

Coi suoi 900€ di listino al momento del lancio era veramente difficile giustificare l'acquisto, ma ora che il prezzo è sceso a 500€ l'Envy x2 è diventata un'alternativa viabile per chi cerca un tablet e un ultra-portatile da usare per applicazioni leggere e poco critiche. Nel complesso è difficile non apprezzare le qualità dell'Envy x2. Basta veramente poco tempo per convincersi del fatto che il formato ibrido con tastiera rimovibile è semplicemente il miglior form factor possibile per i tablet-laptop di piccolo e medio taglio.




Cosa ci piace
Cosa non ci piace
  • il formato ibrido più versatile

  • materiali e dettagli da fascia Ultrabook

  • tablet leggero e sottile

  • tanta autonomia con la batteria aggiuntiva

  • zero rumore, raffreddamento passivo


  • prestazioni lontani dalle cpu Core

  • 64GB di storage si esauriscono presto

  • altoparlanti carenti sulle basse frequenze

  • shares
  • Mail