AnTuTu rivede i punteggi degli Atom, un errore causava balzi del +20%

Il benchmark AnTuTu ridimensiona i punteggi dei SoC Intel: lo scettro torna in mano all'Exynos 5 Octa di Samsung.

Intel reference smartphone

Tra tutti i costruttori di system-on-chip per dispositivi mobili Intel è probabilmente quello con più risorse, ma non si può certo definire il più popolare. Un destino che sembrava destinato a cambiare dopo l'affiorare di nuovi benchmark sul database di AnTuTu, che evidenziavano una netta superiorità del dell'Atom Z2580 Clovertrail+ sui chip di Qualcomm, Samsung ed Nvidia.

Risultati ottimistici, anche troppo come evidenzia un'analisi indipendente che ha scovato un bug nel benchmark che appunto avvantaggiava in modo non equo i chip di Santa Clara. Il baco è stato scovato dalla BDTI, una società di consulenza attivata da un cliente ancora ignoto, e conferma inequivocabilmente che un errore nel compilatore x86 (introdotto nella versione 2.9.4 del benchmark) portava il processore a non eseguire tutte le istruzioni, e di riflesso a un aumento dei risultati.

Una conclusione che ha convinto anche AnTuTu, che ha ammesso i risultati involontariamente (si spera...) "truccati" e che ha già corretto il problema nell'attuale versione 3.2.2. Nella nuova revisione alcuni dei risultati appaiono drammaticamente differenti: i punteggi parziali su CPU e RAM subiscono un ribasso del 20%, così come l'overall score, e cioè il punteggio finale.

Cambiano i benchmark, ma il presente per Intel rimane lo stesso: il produttore di Santa Clara non è ancora riuscito a dimostrare di avere le carte giuste per imporsi come una reale alternativa ai chip di Samsung, Qualcomm e (in maniera minore) Nvidia. I nuovi core Silvermont (per la nuova piattaforma Merryfield) in arrivo nei prossimi mesi potrebbero cambiare la cosa, ma almeno per ora il ruolo coperto da Intel nel mobile è ancora quello dell'inseguitore.

Via | SlashGear | EE Times

  • shares
  • Mail