Intel LookInside arriva a Londra, un weekend creativo all'insegna dell'Ultrabook

Intel ha chiamato i giornalisti in alcune città leggendarie per la creatività e per l’innovazione: lo scopo era di mostrare quello che la gente è davvero capace di fare con un Ultrabook.

Intel #LookInside, l'evento-spettacolo di Londra

Intel ci ha portato a Londra questa settimana per presentare in anteprima alla stampa la sua iniziativa per il weekend: gli eventi del tour LookInside viaggiano verso le più vivaci capitali del mondo, e metteranno in rilievo l’impatto reale delle nuove tecnologie touch e della categoria degli ultrabook e degli ibridi sulla vita dei creativi.

LookInside a Old Spitalfields Market, Londra

Intel ha radunato la stampa in una location particolarmente originale, soprattutto per chi - come me - è relativamente a digiuno della City. Old Spitalfields Market è un mercato coperto, in cui un tempo si vendeva frutta e verdura, e che oggi invece vede il classico ed affascinante mercatino dell’antiquariato all’inglese, in cui si vende di tutto, ed un buon numero di ristoranti etnici o semplicemente hipster.

Siamo a Londra, e qui vecchiette in toni pastello e rabbini ortodossi camminano fianco a fianco con esponenti di ogni genere di cultura giovanile e manager in giacca e cravatta: il palcoscenico ultratecnologico dominato da LCD giganti di Intel non è affatto fuoriposto.

Tutti gli ultrabook del reame

Intel #LookInside, l'evento-spettacolo di Londra

Intel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di Londra
Intel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di Londra

Come potete vedere dalle foto, Intel ha abbracciato tutti gli OEM che hanno deciso di salire sul carrozzone degli ultrabook, un percorso che ha richiesto una certa fede nella lungimiranza di Intel e che per il momento si può dire tutt’altro che concluso.

C’erano modelli di portatili ultraleggeri ed ibridi per tutti i gusti, praticamente l’intera produzione attuale - Ed anche qualche non-Ultrabook, come una macchina da gioco “violenta” Alienware messa sotto vetro perché tutti provano a toccare lo schermo, che non è un toucscreen.

Non è un caso che citi l’Alienware ed il fatto che fosse lontano dalle manacce dei giornalisti, perché praticamente tutto il resto era a portata di dita, ed era possibile interagire con esso, pesarlo, confrontarlo, giocarci un po’. Lavorando su Gadgetblog abbiamo già messo le mani su parecchi ultrabook come Dell, Lenovo e Acer, ed altri li abbiamo visti in giro. Ammirati tutti assieme, però, fanno un certo effetto. Qual’è il più comodo? Quale il più bello? In realtà ognuno ha diritto a scegliersi la sua macchina ideale, ma è impossibile non restare impressionati dalla qualità costruttiva e dai materiali di alcuni device premium della categoria.

Alcune demo tecniche

Intel #LookInside, l'evento-spettacolo di Londra

Intel ha presentato anche qualcosa di diverso rispetto agli Ultrabook. Un lato era riservato ai tablet, uno dei quali, il ToughPad, non avevo ancora visto da vicino - mi ha colpito per la stazza, ma è davvero perfetto per lavorare.

Accanto c’era anche qualche smartphone, anche se in quantitativi piuttosto ristretti nonostante la professione di fede del capo-PR Intel, che mi ha confidato come la corporation sia intenzionata a gettarsi anima e corpo nel mobile quest’anno, sfidando a muso duro Qualcomm e Nvidia.

Intel #LookInside, l'evento-spettacolo di Londra
Intel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di Londra

La demo più interessante è stata quella di un robot che si teneva in equilibrio su una sfera, correggendo continuamente e vagando in giro per il chiosco. È ancora un prototipo - e si vede - ma il futuro consentirà di creare un sistema operativo per lui, e varie app, magari per la telepresenza, magari per fare l’inventario di un grande magazzino.

Divertenti ed istruttive anche le demo interattive. L’opera del resigne Matt Pyke, per esempio, che consentiva di disegnare un aeroplanino di carta virtuale e rilasciarlo a volare con gli altri, guidandolo con un tablet e guardandolo su tutti gli schermi del palco dove interagiva con quelli creati dagli altri ospiti. Anche il piccolo “giochino” Terra era piuttosto interessante: si può creare un’isola con pochi tocchi, e poi cercare di falciare sopra tutta l’erba entro un tempo massimo.

Creatività e ultrabook, perché vanno a braccetto?

Intel #LookInside, l'evento-spettacolo di Londra
Intel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di LondraIntel #LookInside, l'evento-spettacolo di Londra

L’intrattenimento principale, però, è stato quello dei creativi chiamati sul palco a dimostrare come la tecnologia degli ultrabook ha cambiato la loro vita. Abbiamo visto delle persone con un approccio decisamente differente alla vita ed al lavoro, ed in effetti un ultrabook è stato per tutti uno strumento prezioso.

  • Michelle Lesniak Franklin ha vinto Project Runway, un talent show statunitense per stilisti. Ci ha fatto vedere una bacheca ed un “vecchio” progetto per come sarebbe stato fatto un tempo - e come invece il lavoro diventa più rapido e soprattutto “mobile” con l’interfaccia a tocco di un tablet.
  • Katie Green e Carlye Rubin ci hanno presentato il loro studio di produzione “distribuito” Smoke & Apple”. Le due registe/filmografe/produttrici vivono a Londra e a New York, ma sono riuscite lo stesso a creare un film assieme grazie alla comodità delle nuove tecnologie - e stanno lavorando alla loro prossima opera. Sempre su un ultrabook.
  • Nick Ryan merita il premio per la comparsata più strana: Nick ha ripensato i pogo stick e li ha trasformati in uno sport estremo. Gli atleti che vivono il suo sogno riescono a fare trick incredibili e salti di due metri - Tutto ripreso sul momento e poi editato al volo sugli ultrabook, in giro per il mondo.
  • Julie Freeman, artista, è altrettanto originale. Lei usa la tecnologia per le sue installazioni - Parlare con i cani, cablare un intero laghetto ed i pesci in esso contenuti per seguire le loro vite nascoste sono solo due dei progetti che sono stati facilitati dalla tecnologia compatta di Intel.
  • Alla presentazione è sequita una dimostrazione delle capacità dei Pogo Stick di Nick Ryan - due ragazzi hanno fatto trick piuttosto impressionanti, quasi mai schiantandosi a terra rovinosamente. Nessun ultrabook è stato ferito durante lo spettacolo.

    Conclusioni

    Intel #LookInside, l'evento-spettacolo di Londra

    L’evento di Intel è alla fine un tour di “ambasciatori” del brand e delle nuove tecnologie e non presenta nulla di davvero nuovo - nè c'era nessun modello che non fosse già da tempo sul mercato. Ha tuttavia un certo merito: spiega come ultrabook ed ibridi tablet/laptop possono essere usati creativamente, e lascia toccare con mano questi piccoli, compatti apparecchi, che sono alla portata di tutti

    Non credo ci serva un pogo stick o un lago cablato per usare bene un ultrabook, ma di sicuro questi elementi molto particolari aiutano Intel a comunicare il proprio messaggio in modo spettacolare.

    • shares
    • Mail