Philips PicoPix PPX 3610, un micro-proiettore standalone con Android

Il micro-proiettore Android di Philips arriva in Italia: controlli touch, immagini fino a 120 pollici, 100 lumens e 440p, anche lontano dalla presa di corrente a meno di 450€.

Philips PicoPix PPX 3610

La tecnologia olografica che conosciamo dal mondo sci-fi tarda ad arrivare, ma nel frattempo la vecchia proiezione su superfici bidimensionali si fa più semplice, miniaturizzata e integrata. Qualità che troviamo nel nuovo PicoPix PPX 3610 di Philips, un micro-proiettore svelato lo scorso aprile al Gadget Show Live 2013 di Birmingham.

In uno chassis minuscolo da 105x105x31,5mm per 284g di peso, Philips è riuscita a integrare un proiettore dotato di un cuore Android capace di funzionare autonomamente senza PC, un media-player separato e sopratutto lontano dalla presa di corrente.

Philips PicoPix PPX 3610
Philips PicoPix PPX 3610
Philips PicoPix PPX 3610

Il PicoPix supporta una risoluzione massima di 854x480 (e quindi non HD), con una luminosità della lampada pari a soli 100 lumen per diagonale massima di proiezione pari a 3 metri (120"). La versione di Android è un po' vetusta e risale a una Gingerbread 2.3.1, sufficiente però a garantire funzioni di riproduzione di foto, video, slide e qualsiasi altro contenuto supportato dalle infinite app del market Android.

Numeri e specifiche non da brivido, compensate però da una grande versatilità: abbiamo ad esempio un touchpad integrato sullo chassis in stile laptop affiancato dai tre soft buttons principali. Non manca nemmeno Wi-Fi, DLNA, mini HDMI, USB, 4GB di memoria interna, comandi remoti via altri dispositivi Android e una serie di accessori separati per potenziare audio, batteria, il collegamento wired per smartphone Android e una borsa da trasporto.

Philips PicoPix PPX 3610 è distribuito in Italia da Sagemcom e già compare sui listini di diversi rivenditori online con con prezzi a partire da circa 440€, un po' più appetibile dei 499€ di listino.

  • shares
  • Mail