Una torcia LED alimentata col calore umano tra i finalisti della Google Science Fair

La "torcia cava" di Ann Makosinski è tra i 15 finalisti della Google Science Fair 2013: ecco come funziona la sua torcia LED alimentata dal calore umano.

Hollow Flashlight alla Google Science Fair

La Google Science Fair è una gara di invenzioni scientifiche e tecnologiche che si tiene ogni anno dal 2011, sponsorizzata dalla casa di Mountain View ma anche da Lego, il CERN e il National Geographic. Nella top 15 dei gadget più interessanti selezionati dalla giuria c'è la "Hollow Flashlight" (torcia cava, in italiano), una torcia a LED in grado di alimentarsi col semplice calore prodotto dal palmo della mano, costruita con soli 20€ di materiale.

Più che l'invenzione stessa, stupisce ancora di più il fatto che a progettarla è stata una ragazza canadese di soli 15 anni. La torcia LED di Ann Makosinski basa il suo funzionamento sulla celle di Peltier, un dispositivo termoelettrico che gli overclocker della prima ora ricorderanno come uno dei primi sistemi più radicali (ma anche meno efficiente) per raffreddare le CPU a temperature anche inferiori allo zero.

Come funziona?

La cella di Peltier di fatto è una pompa di calore, in cui una superficie assorbe il calore mentre l'altra lo emette (Wikipedia). La differenza di temperatura tra il palmo umano e la temperatura ambientale viene raccolta dalle celle presenti direttamente sull'impugnatura della torcia, veicolate poi verso un trasformatore capace di fornire un voltaggio potente quanto basta per alimentare i LED.

La torcia tuttavia non può funzionare in tutte le condizioni ambientali possibili. E' infatti richiesta una differenza di temperatura di almeno 5° (presumibilmente inferiore, e cioè più fresca) tra quella del palmo e l'ambiente esterno. Nonostante ciò, l'invenzione della Makosinski è piaciuta e consentirà alla giovane di volare a Mountain View per partecipare alla cerimonia finale di premiazione che eleggerà il vincitore. Il vincitore assoluto dei 15 finalisti verrà premiato con una borsa di studio di ben 50 mila dollari e un viaggio di 10 giorni alle Galapagos.

Via | Vyralize | YouTube

  • shares
  • Mail