La Cina, dove tutto si crea e tutto si distrugge

discariche PC Cina

Immaginiamo la nostra società come un bel negozio di dolci. Siamo circondati da torte bellissime, colori sgargianti, profumi inebrianti, ma ci chiediamo mai chi mette quei dolci nel negozio? Se per un attimo dessimo un'occhiata in laboratorio noteremmo persone sporche di farina, cuochi sudati, mani impasticciate di creme. Sono coloro che lavorano incessantemente per permettere al negozio di essere sempre così presentabile.

Anche se molti cinesi non lo sanno, la maggior parte di loro lavorano nei laboratori dei nostri negozi che, anzichè dolci, vendono dispositivi elettronici. Computer, lettori mp3, stampanti, monitor e tanto altro. Tutti componenti destinati a un'obsolescenza rapidissima. Ma che fine fanno i nostri dispositivi dismessi? Di solito se comprate computer assemblati o lettori non di marca, oltre ad essere fabbricati tutti in Cina, di solito non sono soggetti a politiche di smaltimento. Solo le grandi società hanno stabilito nella loro politica aziendale il ritiro dei prodotti vecchi per il riciclaggio dei materiali.

Tutto ciò che buttiamo via finisce in discarica. La maggior parte torna in Cina dove viene ritrattata per il recupero di materiali preziosi. Nei nostri computer ci sono parti di oro, rame e altro che accumulati possono generare dei piccoli tesori. Vi lasciamo a un documentario di 15 minuti girato tra queste discariche, sperando di sensibilizzare alle politiche in difesa della natura con la speranza di concedere anche ai nostri figli di usufruire degli attuali ritmi del consumismo.

  • shares
  • Mail