Apple, Tim Cook presto sostituito per il crollo delle azioni?

Aria di cambiamenti in casa Apple a causa della crisi delle azioni? Tim Cook potrebbe essere presto sostituito

Apple Tim Cook Non è un periodo decisamente roseo per Apple, se considerate che si è arrivati persino a parlare della sostituzione di Tim Cook. L'indiscrezione è stata riportata da Forbes, che a sua volta ha citato Wall Street, la cui fonte, però, è stata giudicata inaffidabile anche dallo stesso quotidiano. Tutto potrebbe essere, insomma, ma forse è davvero troppo presto per dirlo.

Il malcontento nei confronti dell'operato di Tim Cook, per di più, è a tratti inspiegabile: sappiamo benissimo che il CEO di Apple, subentrato a Steve Jobs dopo la sua morte, ha fatto guadagnare alla Grande Mela 137 miliardi di dollari, cifra che pure il governo americano si sogna. E quando ci sono i risultati - si sa - è difficile prendere decisioni del genere.

Gli investitori, però, sarebbero terrorizzati da questi primi mesi della Grande Mela: Apple non è riuscita a proporre neanche un prodotto (in effetti, iPhone 5S, iPad 5, iWatch, iTv e via dicendo sono ancora in fase di realizzazione) e il notevole peso della concorrenza ha fatto crollare le azioni dai 950 ai 350 dollari in soli nove mesi. Se la situazione non è grave, insomma, non si può certo dire il contrario.

Solo pettegolezzi?


Per adesso, comunque, S&P continua a raccomandare l'acquisto delle azioni della Mela Morsicata, perché il suo operato è giudicato ancora positivamente; anzi, molto positivamente:

"Ci aspettiamo che la crescita di Apple superi quella di molti altri colleghi. Vediamo negli stock un valore interessante. E crediamo che iPhone e iPad continueranno a crescere in salute fino al 2015, nonostante le sfide macroeconomiche e competitive".

Solo pettegolezzi? Staremo a vedere.

Via | Forbes

  • shares
  • Mail