Facebook Home massacrato in USA, e non va meglio in Italia

Si è fatto attendere qualche giorno, Mark Zuckerberg ci puntava e ci punta molto. Peccato che poi Facebook Home, dopo i primi giorni di euforia, si è rivelato una "casa" di cui molti preferiscono fare a meno e piuttosto vivono nella vecchia strada, senza un tetto che sia imposto dagli uomini del social network più celebre al mondo.

Facebook Home

 


Bocciato nel Play Store USA


Almeno a quanto si può vedere dalle valutazioni del Play Store americano, unico nel quale l’applicazione è disponibile, si capisce che gli utenti non hanno gradito la mossa del sito blu e definiscono insoddisfacente quello che non è nemmeno un vero e proprio launcher per Android, ce ne sono di bellissimi, ma una trasposizione farraginosa e mal fatta di Facebook nella home page del proprio cellulare.

Batteria che dura poco, funzionalità ridotte, feature che rasentano l’inutilità sono tra le critiche più comuni che possiamo leggere in America ma anche tra gli utenti italiani che lo hanno già provato grazie alle modifiche operate da Paul O’Brien di MoDaCo che lo hanno reso accessibile praticamente a tutti e in pochi passaggi.

Migliorie o morte nel suo futuro


Anche noi lo abbiamo scaricato e testato, a dire il vero ancor utilizzando, contrariamente a quanto han fatto molti che lo hanno disinstallato dopo pochi minuti. È vero però: Home risulta troppo Facebook oriented e gli aggiornamenti li troviamo lenti e disordinati, nonostante l’effetto scenico di primo acchito è piacevole.

Solo il nuovo Messenger si salva


Forse un BlinkFeed alla HTC One, che non abbiamo ancora testato ma di cui abbiamo intuito il funzionamento, era una cosa migliore da fare: più efficace, con meno fronzoli quindi più longeva e utile. Home destinata al fallimento per Facebook, l’unica cosa positiva sono le piacevoli Chat Heads che comunque resteranno in Messenger, a meno che Zuckerberg non corregga il tiro e modifichi la nuova casa del robottino in qualcosa di più utilizzabile e meno invasivo, meglio integrato con le altre applicazioni e più dinamico.

Via | Google Play Store

  • shares
  • Mail