Google Glass, i risultati del concorso. I vincitori? Celebrità e gente comune

Google Glass
Il concorso per aggiudicarsi uno dei primi modelli degli ormai noti Glass di Google comincia ad entrare nel vivo. Terminato il periodo di valutazione, la compagnia statunitense ha cominciato a notificare, a coloro che sono stati reputati idonei, che riceveranno presto il loro paio di occhiali per la realtà aumentata.

8.000 unità – in produzione in questo periodo in uno stabilimento negli Stati Uniti – verranno consegnati dietro pagamento di 1500$ ai concorrenti dell’iniziativa #IfIHadGlass che Google ha avviato con lo scopo di trovare dei tester adatti.

Ma chi sono esattamente questi “vittoriosi” contendenti? Una lista preliminare ce ne da una buona idea.

Le celebrità


Non si tratta di una lista ufficiale Google non ne ha ancora rilasciata una poiché non tutti i concorrenti sono stati ancora notificati. Un dottorando della Stanford University, Andrej Karpathy, ha invece attraversato Twitter raccogliendo i nomi di coloro che hanno ricevuto il messaggino con cui Google notifica l’estrazione, mettendo insieme una lista che comprende più di 4.000 persone.

Non sorprenderà poi troppo riconoscere la quantità di nomi famosi che si possono leggere lungo questa lista che comprendono anche personaggi dello spettacolo. Neil Patrick Harris, ad esempio, ha proposto di potare i Glass all’interno del “making of” di una puntata di How I met your mother. Troviamo anche il rapper Soulja Boy, il CEO di FourSquare Dennis Crowley ed il dirigente nazionale del Partito Repubblicano Newt Gingrich. Accanto a loro, poi, figurano i titolari di alcuni tra gli account di Twitter più seguiti.

Fama e portata contano, ma non solo


Uno dei fattori determinanti nella scelta dei vincitori è sicuramente la popolarità dei partecipanti, così come Google aveva già dichiarato, ma questi non sono gli unici che possono dare un apporto positivo alla nascita dei Glass.

Una notevole quantità di prescelti non ricade affatto nella categoria di VIP o di “trascinatore di followers”. Il merito va anche, giustamente, a chi ha idee interessanti per lo sviluppo di app e funzionalità di cui i Google Glass potranno avvalersi. I campi di interesse comprendono l’educazione e la sanità e questi sviluppatori avranno la possibilità di provare in prima persona come sarà il prossimo futuro visto attraverso la realtà aumentata.

Naturalmente Google si riserva il diritto ritirare alcune di quelle offerte che non sono compatibili con i termini del concorso e che sono sfuggiti alla rete del vaglio.

Via | TheVerge.com

  • shares
  • Mail