Razer Edge, nasce il primo vero tablet per i gamer – le prime recensioni

Razer Edge ProIn questi ultimi anni abbiamo visto il formato tablet ibridarsi con una miriade di formati e usi diversi. L'Edge Pro di Razer oggi spinge queste "mutazioni" su un livello totalmente nuovo: è il primo vero tablet per il PC gaming equipaggiato per affrontare le richieste dei giochi di medio-alto livello. Il tablet debutta oggi sullo store USA (niente da fare per l'Europa) e sul web, con un'ondata di recensioni che ci aiuta a far luce sugli aspetti di questa strana creatura. Continua dopo la pausa.

E' il tablet da gioco più potente sul mercato

Come già sappiamo da qualche tempo la tavoletta arriva in due versioni: un Razer Edge "liscio" dotato di Core i5 da 1,7GHz (2,6GHz in Turbo), 4GB di RAM, una buona GeForce 640M con 1GB di memoria e core Kepler e 64GB di SSD; e poi il Razer Edge Pro che incrementa CPU, RAM e SSD con un Core i7 da 1,7GHz (3GHz in Turbo), 8GB di DDR3, 128 o 256GB di SSD e 2GB di memoria video.

Quasi 2000$ per le configurazioni più alte

La versione base parte da un prezzo "quasi ragionevole" di 999$, ma a cui va aggiunti il costo del Gamepad Controller pari a 250$, una accessorio che tanto "accessorio" non è, visto che rappresenta l'essenza del dispositivo. Se poi si vuole sfruttare uno schermo ci sono da sborsare ulteriori 100$ per la Docking Station, visto che il tablet crudo non fornisce nessun tipo di uscita video. Unite il costo di questi accessori ai 1450$ della versione Pro e in un batter d'occhio siamo a ridosso dei 2000$. Follia?

Un po', e anche se si tratta indiscutibilmente del computer in formato tablet più veloce sulla piazza abbiamo una lunga lista di lati negativi da dover gestire. Primo fra tutti è la capienza della versione liscia: 64GB sono troppo pochi per poter ospitare un numero sufficiente di giochi capienti (Battlefield 3 Premium misura 35GB, ma è un caso raro).

Ma anche sorvolando sulla capienza rimangono altri fattori cruciali come peso e ingombri eccessivi, un design con una cornice fin troppo pronunciata e un'autonomia che nell'uso dei giochi supera di poco le due ore. Al di là di questi problemi il Razer centra però alcuni obbiettivi importanti: il design, l'ergonomia e la qualità costruttiva sono più che buoni e vicini agli altri esperimenti high-end della casa (leggi: Razer Blade).

Le recensioni complete

Vi lasciamo alla lista di alcune delle recensioni complete apparse online:

  • shares
  • Mail