Apple acquisisce WiFiSLAM per 20 milioni di dollari, la mappatura costa

Apple WiFiSLAM La notizia è ufficiale: Apple ha acquisito WiFiSLAM, azienda specializzata in tecnologie di localizzazione. Era nell'aria che la Grande Mela avrebbe dato vita, prima o poi, a una operazione del genere, ma sembrava impossibile che avrebbe speso circa 20 milioni di dollari per portare a termine la transazione. L'obiettivo della compagnia è quello di migliorare il suo servizio di mappatura, anche se, almeno per il momento, non ha rilasciato informazioni dettagliate.

Servono miglioramenti per Apple Maps


Riportata da Wall Street Journal, la notizia è stata confermata dall'azienda e commentata positivamente da coloro che sono in possesso di smartphone e tablet dalla mela morsicata: l'applicazione Maps, in effetti, necessita di moltissimi miglioramenti (non che la concorrenza stia messa meglio...). E il fatto che siano stati borsati fior fior di bigliettoni la dice lunga sugli interventi che vedremo in futuro.

Tim Cook convinto dell'acquisizione


Finora Apple non ha rilasciato altri dettagli, ma non si tratta di ipotesi inverosimili: WiFISLAM è un'azienda specializzata in servizi di localizzazione in ambienti chiusi; per di più, l'intento di Tim Cook, in questo ambito, è sempre parso chiaro a tutti: il nuovo CEO Apple, infatti, ha più volte espresso l'interesse a lavorare in tempi brevissimi su un servizio di mappatura completo e perfettamente funzionante, per il quale le tecnologie sviluppate dall'azienda acquisita si riveleranno importantissime.

Bisogna sconfiggere Google Maps


Ricordiamo che per WiFiSLAM lavorano alcuni ex-dipendenti Google, come Joseph Huang e Darin Tay. Che la loro presenza porti fortuna a Cook? Potrebbe darsi, e lo speriamo vivamente, visto che Google Maps è per ora imbattibile, grazie a Street View e molte altre interessanti funzionalità, che Apple può soltanto sognare di notte (forse).

Via | MacRumors

  • shares
  • Mail