Apple recidiva, problemi con i diritti di garanzia in Europa

Apple Ancora problemi in Europa per Apple riguardo alle politiche di garanzia adottate. L'accusa questa volta viene direttamente da Viviane Reding, Commissario alla Giustizia dell'Unione Europea, indisposta nei confronti della Grande Mela, perché inadempiente rispetto agli obblighi fissati dalla normativa vigente.

Apple non comunica ai consumatori i loro diritti


Apple

è accusata di non informare i consumatori sui diritti che possono far valere, non in un solo Paese ma in ben ventuno; non si tratterebbe, per di più, della prima volta che la compagnia incorre in un richiamo di questo tipo: già a settembre la Reding aveva scritto ai ministri dell'Uninoe Europea per verificare se Apple comunicasse regolarmente ai consumatori l'esistenza di una garanzia pluriennale (due anni, secondo la legge comunitaria).

L'ira di Viviane Reding


"Ciò che è successo da quando ho inviato la mia lettera - ha spiegato la Reding - ha evidenziato che in casi simili la Commissione Europea non deve distrarsi sulle questioni di applicazione della legge. In almeno 21 Stati Membri Apple non ha fornito adeguata informazione ai consumatori circa i diritti di garanzia legale che sussistono dal momento dell'acquisto. E ciò non è un fatto positivo".

Multe salate in passato per lo stesso motivo


Inutile dirvi che non è la prima volta che Apple è protagonista di situazioni così spiacevoli: in passato ha ricevuto una multa pari a 1.2 milioni di dollari in Italia sulla stessa questione; non si può dire diversamente di Belgio, Germania, Lussemburgo e Portogallo; la compagnia, insomma, è recidiva. Delirio di onnipotenza o semplice svista? A voi la risposta.

Via | The Verge

  • shares
  • Mail