WhatsApp a pagamento anche per iOS, intanto per Android è tutto nuovo

iOS WhatsApp in-app purchase App Store

 

Ci sono mille alternative a WhatsApp tra le più recenti MessageMe, Tellit, Yuilop e molti altri. Tutto vero ma è sempre la cornetta verde a far parlare di sè, visto il largo utilizzo mondiale che ogni giorno se ne fa. La prima è una bella notizia, almeno per gli utenti Android che hanno visto finalmente arrivare in Google Play la release in stile HOLO di WhatsApp, già da tempo presente in beta nel sito dello sviluppatore.

Interfaccia HOLO per terminali Android


Siamo ormai giunti alla release 2.9.3936 con una grafica completamente rivista e un’applicazione definita più reattiva, più stabile. Miglioramenti da tutti i punti di vista, quindi, con in più la possibilità di acquistare abbonamenti non più solo annuali ma anche di 3 (sui 2/2,5 euro) o 5 anni (meno di 4 euro).

Abbonamenti anche per iOS


Ed è proprio sul fronte abbonamenti che c’è la principale novità della giornata. Stavolta una brutta notizia ma è per gli utenti di iPhone che già da quest’anno non avranno più, a quanto sembra, l’applicazione pagandola 89 centesimi una tantum ma probabilmente la scaricheranno gratis per poi veder introdotti abbonamenti ancora una volta annuali, triennali o quinquennali come accade per le altre piattaforme.

Il pagamento si potrà effettuare con un in-app purchase da App Store, quasi sicuramente. A quanto pare la novità interesserà solo i nuovi utenti, non quelli che ormai hanno già acquistato, e pagato, la più celebre App del pianeta. Dopo il bailamme venutosi a creare le scorse settimane ora è proprio il CEO di WhatsApp, Jan Koum, che in un’intervista a TechCrunch pare mettere tutti d’accordo.

Facebook Messenger, l'outsider sempre gratuito


Nessuna versione verrà implementata per i computer: ce lo siamo chiesti più di una volta ma da WA la risposta è stata che l’esperienza mobile è sempre maggiore e più diffusa. Il cellulare c’è sempre e ovunque...forse una versione per tablet non sarebbe stata così male. Ricordate cosa disse Zuckerberg per Facebook su iPad e cosa, invece, fece dopo qualche mese?

Per ora è quasi monopolio di WhatsApp: se la installate in un qualsiasi cellulare e poi ne installate altre di simili noterete che moltissimi dei vostri contatti sono sulla cornetta verde, solo pochi nelle altre realtà, ed è un peccato. Attenzione però: solo qualche anno fa Nokia aveva quasi il monopolio della telefonia mobile e Samsung inseguiva molto distante. Guardate com’è finita poi...

Una cosa che hanno (quasi) tutti però è un’altra e sta crescendo, si sta espandendo anche come applicazione. Stiamo parlando di Facebook che con il suo Messenger potrebbe essere l’anti WhatsApp che veicola 17 miliardi di messaggi al giorno (7 miliardi in uscita). La politica di Palo Alto potrebbe favorire i ragazzi di Menlo Park, attenzione una seconda volta.

Via | TechCrunch

  • shares
  • Mail