Google Glass, scatta l'allarme privacy (ma l'azienda non risponde)

Google Glass

Allarme privacy per chi attende con ansia i Google Glass (recentemente al centro dell’attenzione di Business Insider, convinto che possano far venire il cancro). E questa volta a parlare è nientepopodimeno che The Guardian, interrogandosi su una questione tanto evidente quanto preoccupante: come faranno i consumatori e i terzi a tutelare la propria privacy?Google Glass rappresentano, come ben sapete, un esempio lampante di computing indossabile: Sergey Brin lo ha dimostrato durante la presentazione degli occhiali, mettendo in evidenza che per attivarli bisogna muovere la testa ed esprimere il comando; un gesto tanto semplice, questo, quanto pericoloso per gli altri: David Yee, capo della sezione tecnologica dell’azienda Editorially, ha spiegato che se un uomo dovesse arrivare in un ristorante e filmare tutto, potrebbe poi caricare il materiale sul web senza farsi troppi scrupoli (anche Joshua Topolsky, giornalista che ha utilizzato i Google Glass, ha confermato di essere entrato in uno Starbucks, di aver filmato tutto e di non essere stato fermato da nessuno).

Resta da capire, infine, come Google utilizzerà i contenuti: Oliver Stokes, design innovator della PDD, azienda di design conosciuta per lavorare anche con LG, Vodafone e Fujitsu, ha sottolineato che la situazione è davvero preoccupante, perché in questo modo Big G saprà chi siamo, cosa guardiamo e cosa vogliamo (e marketing fu, insomma).

Google non si è ancora espresso in questo senso, ma gli converrebbe farlo subito: già il prezzo è quello che è; con problemi del genere, perciò, la reputazione degli occhiali non può far altro che peggiorare.

Via | The Guardian

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: