Apple, aggiornamento per i Mac dopo l'attacco hacker

Apple Continua a far discutere l’attacco hacker ad Apple, e lo fa, per fortuna, in modo positivo. Come sapete, la compagnia è stata aggredita diverso tempo fa e solo recentemente lo ha comunicato, spiegando che, comunque, sono stati compromessi pochi Mac. Le indagini stanno continuando e l’attacco a Cupertino sembra essere arrivato a un punto cruciale: gli hacker che hanno attaccato non solo Apple ma anche Facebook e Twitter non sarebbero cinesi, bensì europei. Non è di questo, però, che vogliamo parlarvi.Un portavoce dell’azienda di Tim Cook, infatti, ha sottolineato nuovamente che non c’è stato alcun furto delle informazioni e dei dati dell’utenza e che il problema ha già trovato una soluzione: è stata individuata la falla attraverso la quale  gli hacker sono riusciti a compromettere i sistemi, vale a dire il plug-in per i browser di Java, ed è subito stato proposto un aggiornamento.

Avete letto bene: la vicenda è stata risolta in “casa”, attraverso un update che rende sicuri i Mac, attraverso la disinstallazione del plug-in da OS X; qualora gli utenti dovessero imbattersi in un sito con questa tecnologia, basterà cliccare semplicemente su “plug-in mancante” e installare il software, evitando, di conseguenza, un utilizzo improprio da parte di terzi.

A questo punto, la domanda sorge spontanea: agire prima, no?

Via | The Verge

  • shares
  • Mail