iPad senza Office? Microsoft perde due miliardi all'anno per questa decisione

iPad Office

Voi tutti sapete che iPad sta diventando uno tra i dispositivi più importanti nel mercato delle nuovissime tecnologie. La tavoletta, infatti, acquisirà sempre più peso in questo 2013, anche a discapito dei Personal Computer, non solo per via delle sue nuove funzionalità – e per il fatto che è comunque maneggevole e portatile –, ma anche per questioni di marketing: i tablet sono stati pubblicizzati benissimo e oggigiorno sembra diventato impossibile (?) farne a meno (basti pensare alla concorrenza interna ad Apple fra iPad Mini e iPad standard). Pare inspiegabile, per questi motivi, la decisione di Microsoft di non portare Office sulle tavolette, o forse no; se tutto il pacchetto fosse esportato su questo nuovo mercato, infatti, i danni ai suoi Personal Computer sarebbero ancora più pesanti, in una situazione che tanto rosea già non è.

Non sappiamo se il colosso di Redmond firmerà mai degli accordi con la Grande Mela (che intanto sta facendo di tutto per portare la filosofia di Steve Jobs in tutto il mondo); siamo certi, però, che sta perdendo non pochi possibili guadagni per questa sua scelta: secondo uno studio condotto da Adam Holt, analista di  Morgan Stanley, la società di Bill Gates perderebbe circa 2.5 miliardi di dollari all’anno, lasciando strada libera, per di più, ad applicazioni del calibro di iWork e Google Apps.

Fossimo in Microsoft, insomma, inizieremmo a considerare l’ipotesi di “ampliare gli orizzonti”.

  • shares
  • Mail