Chi vincerà la guerra tra Blu-ray e HD-DVD? Analisi sui dati.

megafono lettoriDopo la pubblicazione dell'articolo su Transformers e gli standard dei supporti ottici, ho chiesto ad un amico, collega e insider del settore, Andrea Manfrè, di dire la sua e spiegarmi(ci) alcuni dettagli che non tutti conoscono. Con questa rubrica do anche il via ad un esperimento, che porta i lettori in primo piano: se vorrete approfondire un argomento, una famiglia di gadget, comparazioni, ecc, scriveteci un articolo attraverso il nuovo modulo di segnalazioni o la "vecchia" email, magari tra voi ne uscirà anche il nuovo blogger di gadget!

Se da una parte il formato in HD (Alta Definizione) del film "Transformers" (HD-DVD) ha venduto 190.000 copie in una sola settimana, è da ricordare che il film "300" ha il record assoluto al momento, con ben 250.000 copie distribuite, forte della presenza sugli scaffali di entrambi i formati (HD-DVD e Blu Ray disc).
Nonostante ciò, sempre riguardo al kolossal di Michael Bay (Transformers), sono stati venduti nello stesso lasso di tempo qualcosa come 8.3 milioni di DVD, e questo non può che far pensare.
Lo stesso Bay, nonostante questi eccezionali risultati di vendite, ha rimproverato la Paramount per aver prodotto un DVD non soddisfacente (o meglio, per non aver seguito le proprie indicazioni a riguardo), ed ha inoltre criticato nuovamente il rilascio del film nel solo formato HD-DVD, dichiarando "poco lungimirante [la scelta, ndr] e questo ritarderà il passaggio all'alta definizione da parte dei consumatori. In quanto produttore, il mio occhio critico mi dice che il Blu-ray sta dove stanno i miei soldi. I consumatori sono intelligenti ed aspetteranno".

I numeri pubblicati dalla Home Media Research sull'andamento delle vendite dei supporti HD nel mercato USA parlano chiaro: il Blu Ray è in netto vantaggio.

vendite bluray hd dvd

Torniamo comunque ad analizzare questa grande battaglia che da qualche anno schiera le multinazionali di prodotti consumer in tre blocchi: sostenitori dell'HD-DVD, sostenitori del Blu Ray disc ed imparziali.
Il motivo di questa guerra, come sempre sono i soldi. In questo caso, gli analisti parlano di cifre attorno ai 10 miliardi di dollari solo di royalties per -i prossimi 10 anni- di guadagno per il consorzio vincente: una cifra non da poco. Per questo motivo i due contendenti hanno iniziato a "giocare sporco".
In particolare, sembrerebbe che il consorzio HD-DVD abbia sborsato 150 milioni di dollari per convincere Paramount e DreamWorks a distribuire materiale audiovisivo nel solo loro formato; la Warner è invece presa d'assalto (a suon di dollari) da entrambi i consorzi per aggiudicarsi la distribuzione in esclusiva, nonostante essa si dichiari neutrale.
Una delle maggiori catene di distribuzione americane, la Target, dietro un cospicuo versamento da parte del consorzio Blu Ray (somma definita testualmente "da lasciare a bocca aperta"), ha deciso di vendere esclusivamente lettori e film in BR, ad esclusione del lettore HD-DVD (add-on) per la Xbox360.
Stranamente la Blockbuster ha corretto il tiro verso l'esclusività data ai soli BR, per ripristinare la vendita e il noleggio di HD-DVD (lettori e film) dietro un importante budget che appare sotto il nome di "cooperazione promozionale".
Si sta assistendo comunque ad una lotta simile a quella avvenuta tra Betamax (Sony) e VHS, per il quale alla fine è uscito vincitore il secondo formato (nonostante qualitativamente sia inferiore al primo).
I fattori discriminanti in tale vittoria furono la maggior possibilità di archiviazione (fino a 4 ore) ed i costi ridotti. Oltre a questo pare che anche l'industria del porno contribuì in maniera decisiva, adottando esclusivamente il formato sviluppato dalla JVC.
Attualmente il Blu Ray disc offre maggiori capacità di memorizzazione (100GB contro i 51GB del concorrente negli ultimi modelli di dischi), ma il costo è superiore, almeno per i lettori; per quanto riguarda invece i dischi (sono oltre 10 milioni quelli BR prodotti da Sony), attualmente hanno costi pressoché uguali tra loro.

Il porno, nel mondo dell'Alta Definizione, ci sta andando cauto e non ha ancora deciso "da che parte stare", prima di tutto perché -a quanto pare- si vedrebbe "troppo" ed in particolare verrebbero messe in luce tutte le imperfezioni di attori ed attrici. Oltre a questi motivi meramente tecnici, tale settore risulta essere particolarmente orientato alla diffusione di contenuti tramite internet, anche attraverso servizi via IP (HD-IPTV). Si parla comunque di una trentina di titoli disponibili nei nuovi formati, quasi tutti però in HD-DVD.
Se non dovesse essere quindi il porno ad essere decisivo all'affermazione del formato vincitore, la Cina svolgerà un importante ruolo, forse anche quello determinante nei prossimi anni.
Il formato HD-DVD nel continente asiatico è approdato con un formato particolare: il CH-DVD, basato in maniera massiccia sulle specifiche tecniche dello stesso HD-DVD.
La Blu Ray Association non è rimasta però a guardare, ed ha annunciato l'introduzione di codec dedicati al mercato cinese, in particolare l'AVS (Advanced Video System) per il video e il DRA (Digital Rise Audio) per l'audio nei player per il mercato cinese, stanziando anche molte risorse per la loro promozione.

La guerra risulta essere ancora aperta e nel frattempo, come si dice in questo caso: "tra i due litiganti il terzo gode".
Sarà così?

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: