Nokia riceve 1,35 miliardi di dollari per sviluppare il materiale più forte del mondo

La leggenda dei Nokia indistruttibili (che a dire il vero sono sul serio molto, molto robusti) potrebbe diventare molto meno mitologica: l’azienda finlandese ha ottenuto un finanziamento per 1,35 miliardi di dollari allo scopo di sperimentare applicazioni industriali del grafene, il materiale più forte del mondo.

Questo materiale è letteralmente bidimensionale, essendo composto da uno strato di carbonio spesso un solo atomo. Il grafene è 300 volte più resistente dell’acciaio ed è uno dei materiali conduttori più leggeri nell’universo.

Nokia è presidente del Graphene Flagship Consortium, ed il finanziamento sarà erogato dall’Unione Europea, o per meglio dire dalla sua costola, il FET.

“Abbiamo già portato a termine dei lavori promettenti, ma credo che le innovazioni più importanti debbano ancora essere scoperte. Il grafene è un campo in cui noi europei abbiamo la possibilità di sfruttare una catena produttiva già pronta alle applicazioni pratiche”

Con queste parole Tapani Ryhänen ha accettato il finanziamento, una cifra decisamente rispettabile. Jani Kivioja rincara la dose:

“Siamo al punto di svolta, alla rivoluzione del grafene. Prima abbiamo avuto la scoperta di un processo manifatturiero economico per l’acciaio, con la Rivoluzione Industriale. Poi è stato il momento del silicio. Ora tocca al grafene”.

Il modello del grafene sembra un reticolato a celle esagonali, è trasparente, pieghevole e deformabile e conduce l’elettricità meglio del rame (materiale che ormai scarseggia). Si surriscalda meno rapidamente del metallo e potrebbe creare un mondo nuovo.

Non credo che nessuno sulla faccia della Terra avrebbe mai pensato che il primo apparecchio nel materiale del futuro sarebbe stato uno smartphone Windows Phone, eppure…

Via | Tom's Hardware

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: