JOBS il film nelle sale in Aprile

JOBS il film al cinema

Quel che nasce in questo garage cambierà il mondo per sempre. Questa l’immagine emblematica del film, semplicemente JOBS, sul genio, visionario, di Steve Jobs che arriverà nelle sale americane in Aprile, più avanti anche da noi in Italia.

Una figura controversa, enigmatica, adorata e odiata quella del fondatore di Apple, raccontata nella pellicola di Joshua Michael Stern con Ashton Kutcher, conosciuto anche come (ex) signor Moore, nei panni del CEO di Apple. Un ruolo molto difficile, non c’è che dire, ma che ben si attagliava al protagonista, favorito da un’impressionante somiglianza con il defunto genio dell’informatica.

Dopo aver visionato il primo minuto del film, però, è stato lo stesso protagonista reale delle incredibili vicende avvenute a Cupertino, nella Silicon Valley, a contestare i fatti raccontati. Stiamo parlando di Steve Wozniak, detto Woz, amico di Jobs e, assieme a lui, co-fondatore di Apple Computer, che ha già "puntualizzato" polemizzando su certi aspetti che, in realtà, sarebbero andati diversamente.

Chiaramente si tratta pur sempre di un film, con tutte gli aggiustamenti del caso, probabilmente lontano dal kolossal che Sony Pictures sta approntando e che nascerà dal libro biografico che scrisse Walter Isaacson, intrattenendosi ore e ore con Jobs.

Dopo l’anteprima avvenuta nel corso del Sundance Film Festival 2013, il film arriverà nelle sale americane il 19 Aprile prossimo, 37 anni dopo la nascita in un garage di Cupertino di Apple Computer Inc., ora solo Apple Inc. Per vedere l’opera che racconta l’epopea dei primi pirati dell’informatica (avete visto I Pirati di Silicon Valley vero?) da noi, ci sarà da attendere qualche mese (e il solito eccellente doppiaggio all’italiana).

Sapere com’è andata esattamente in quel garage e in quelle strade di silicio sarà ben più difficile, nonostante siano molti i protagonisti che, come Woz, ce lo possano raccontare. Quel che resta è l’universo creato da, e attorno, a Steve che, favorevoli o contrari, ha cambiato il mondo dell’informatica, prima, e del modo di comunicare di (quasi) tutti noi, dopo. Un salto al cinema vale comunque la pena farlo.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: