iPhone in acqua? Liquipel 2.0 dal CES 2013 dice che non è un problema

Liquipel 2.0 CES 2013

Smartphone sempre più grandi e delicati, con parti in vetro che si possono facilmente rompere e liquidi come uno dei peggiori nemici per il loro corretto funzionamento. Se al CES 2013, tra la miriade di novità troveremo anche il nuovo, resistentissimo, Gorilla Glass 3.0 di Corning, anche l’azienda leader nelle nanotecnologie Liquipel dirà la sua.

Quanti sono i dispositivi elettronici che ogni anno vengono portati in assistenza a causa di problemi legati al contatto con acqua o altri liquidi? Moltissimi, lo sappiamo bene. Dopo aver visto le potenzialità di Liquipel ecco arrivare al CES 2013 Liquipel 2.0, ancor più resistente all’acqua della tecnologia che l’ha preceduta.

Ma di cosa si tratta esattamente? È una pellicola protettiva? No, è una cosa molto più avanzata, un trattamento che viene eseguito sul dispositivo, introdotto in una speciale camera da cui viene tolta l’aria e in cui viene iniettata, sotto forma di vapore, la speciale formula Liquipel che rende il dispositivo impermeabile, senza danneggiare in alcun modo il suo funzionamento. Una volta eseguito il trattamento detto non c’è modo di vederlo poiché lo spessore della "patina" alle nanotecnologie è di gran lunga inferiore a quello di un capello.

Ebbene la versione 2.0 di Liquipel viene definita, dalla stessa azienda californiana di Santa Ana, 100 volte più efficace di quella precedente e, visti i video già di quella versione, c’è sicuramente da stupirsi. Liquipel 2.0 può essere certificata IPX7 ossia resistente all’immersione in 1 metro d’acqua per 30 minuti.

Alcuni costruttori già utilizzano il trattamento Liquipel in sede di assemblaggio dei loro prodotti: si può sperare che siano sempre di più quelli che lo fanno in modo tale che i nostri (costosi) dispositivi non si guastino più a causa del,purtroppo frequente, contatto con i liquidi. Il trattamento 2.0 è, per il momento, disponibile soltanto negli USA ed ha un costo vicino ai 45/50 euro.

Via|Engadget

  • shares
  • Mail