Boeing testa il Wi-Fi ed usa sacchi di patate per simulare gli esseri umani

Boeing produce aeroplani da quasi 100 anni, alcuni dei quali sono i più usati ed i più avanzati in commercio, sia nel campo della difesa che del trasporto passeggeri.

Da qualche anno la multinazionale sta studiando il metodo migliore per portare il Wi-Fi sugli aeromobili, ed i test svolti nelle scorse settimane sono piuttosto particolari: per scoprire come si propagano le onde all’interno della carlinga, generalmente piena di esseri umani, si è scelto di riempirla di patate.

Al posto dei passeggeri, quindi, sono state caricate a bordo 9 tonnellate di tuberi. Il test serviva per misurare le onde radio, scoprire se esse erano costanti nella diffusione e se non andavano a mettere in pericolo le strumentazioni di bordo. Le patate erano disposte in comodi sacchi, quindi il viaggio per loro non è stato particolarmente traumatico.

I tuberi hanno numerosi vantaggi rispetto agli esseri umani. Dal punto di vista della riflessione e dell’assorbimento delle onde radio sono dei succedanei passabili, ed inoltre le patate si annoiano molto meno e possono rimanere ferme per ore mentre uno stuolo di tecnici analizza e regola il segnale.

Piazzare dozzine di persone aspettandosi che restino sedute per ore ed ore su un aeroplano fermo non sarebbe stato altrettanto pratico, qualunque fosse stata la paga. Le patate costano molto meno e non devono neppure andare al bagno.

Per quanto l’esperimento sia buffo, è sicuramente stato molto utile. Un po’ tutti speriamo che nel futuro prossimo sia possibile navigare su Internet a bordo, invece di dover passare ore ed ore in “silenzio radio”.

Via | Los Angeles Time

  • shares
  • Mail