Analisti prevedono la morte dell'eBook reader. Non sarà un po' prematuro?

Ha fatto il giro della stampa specializzata un rapporto dell’IHS iSuppli che prevede una caduta libera degli eReader rispetto all’anno scorso: da 23,2 milioni di unità nel 2011 a soli 14,9 nel 2012.

Al momento non so quanta sostanza abbiano questi calcoli, ma secondo gli analisti di questo gruppo, il mercato degli eBook reader sta venendo fagocitato dai tablet. La ragione sarebbe l’abbandono progressivo ed inevitabile degli apparecchi specializzati in una singola funzione rispetto a quelli generalisti, sempre più potenti ed efficaci e da adesso anche più comodi.

È inevitabile ritenere "più pratico" un tablet o uno smartphone di fascia alta per tutti gli usi di un eBook reader, ma anche di una macchina fotografica, di un lettore mp3, di un navigatore satellitare e persimi di un piccolo laptop. Se si deve assolutamente scegliere tra un tablet o qualche altro gadget più limitato, indubbiamente il primo è in un certo senso migliore perché può fare di tutto, anche se non in modo ottimale.

Il calcolo qui è semplice: l’eBook reader ha avuto poco tempo per diventare noto e diffondersi ed è destinato a sparire a breve. L’anno prossimo, prevede IHS iSuppli, se ne venderanno solo 7 milioni, marcando una precipitosa e spettacolare caduta, rimarchevole anche nel campo della tecnologia consumer.

Ma deve essere per forza vero? Onestamente non posso dirmi d’accordo. Semplicemente e-ink e schermi LCD non sono la stessa cosa. Lo schermo di un tablet stressa l’occhio, illumina molto fortemente per garantire il contrasto e la batteria dura poche ore invece di giorni e settimane. Un eBook reader è a tutti gli effetti un libro, con le stesse caratteristiche, e talvolta anche illuminato (in casi come quello del Kindle Paperwhite). Inoltre un tablet costa molto di più se deve essere un prodotto decente, e non si può sbattere in uno zaino o portare in una sabbiosa spiaggia senza grandi timori, essendo molto più complesso e meno robusto.

Credo che l’eBook reader, per quanto destinato a rimanere confinato in una nicchia, resterà con noi ancora per un po’. Onestamente non credo che la voglia di leggere degli esseri umani stia davvero calando - Per quanto la possibilità di guardarsi un film dove si vuole sia una delle cose che rende più goloso un vero e proprio tablet.

Via | GeekWire

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: