Apple e Intel potenziali partner anche nel reparto mobile, Atom su iPad e un ARM-Intel su iPhone?

Apple+IntelNon è un mistero, i rapporti tra Apple e Samsung sono tutt'altro che idilliaci e le numerose cause legali potrebbero portare prima o poi a un'inevitabile rottura dei rapporti commerciali, che ricordiamo, vede la casa coreana come costruttore esclusivo dei chip della serie A e AX. Ma chi si occuperà dopo di realizzare i system-on-chip ARM per i vari dispositivi iOS?

Tempo fa si parlava di TSMC, la più grande fonderia indipendente di chip per conto terzi, ma proprio in queste ore spunta sulla rete un altro candidato eccellente. L'azienda in questione sarebbe Intel, partner ormai storico della casa di Cupertino e che ha segnato la rinascita della sua linea di notebook, desktop e workstation grazie al passaggio all'architettura x86 dei processori Core. Continua dopo la pausa.

Su CNN Money si leggono anche i dettagli di un possibile accordo che spaccherebbe la continuità sui dispositivi iOS attuali, e che vedrebbe Intel come costruttore dei SoC con licenza ARM destinati agli iPhone. Per ricambiare, Apple accetterebbe di migrare i suoi iPad verso i chip Atom di nuova generazione, che al momento trovano posto nei nuovi tablet per Windows 8 e in una manciata di smartphone.

Si tratta di una manovra drastica ma non del tutto fuori dal mondo. E' pur vero che ARM è un competitore di Intel, ma tra Intel e Apple ci sarebbe un conflitto d'interessi praticamente nullo se paragonato a quello che c'è attualmente con Samsung, che per ora è uno dei pochi costruttori sulla piazza capace di sostenere l'enorme domanda di dispositivi iOS. Il passaggio all'architettura x86 su iPad è sì un compromesso, ma potrebbe essere anche l'unica scelta fattibile.

E' bene far notare che nonostante le guerre legali tra Apple e Samsung, gli accordi sulla costruzione dei system-on-chip A e AX scadranno solo nel 2014, e Intel avrà tutto il tempo di perfezionare la sua architettura Atom. Non è detto che qualcosa potrebbe accadere anche prima di quella data.

Via | CNN Money | Seeking Alpha

  • shares
  • Mail