Surface 2? Prime indiscrezioni sulla prossima generazione di tablet fino a 14,6"

Microsoft SurfaceIl Surface Pro non è ancora stato lanciato sul mercato (e a dire la verità da noi manca ancora il Surface "liscio"), ma per la rete già si colgono gli echi di una presunta seconda generazione dei tablet di casa Microsoft, con tanto di dettagli sul futuro hardware.

Le indiscrezioni arrivano da un twit di MS_nerd, una gola profonda piuttosto affidabile nelle questioni Microsoft e già nota a Neowin, che parla di ben tre modelli differenti, e cioè i già noti Surface RT, Surface Pro e un misterioso Surface Book dal formato gigante, almeno per un tablet. Continua dopo la pausa.

Ecco il testo tradotto, così come è apparso sulla twittata:


  • Ci sarà un Surface RT 2 con uno schermo da 8,6" e un chipset Qualcomm, che andrà a sostituire l'Nvidia Tegra 3 attualmente in uso sul Surface RT attuale;

  • Il Surface Pro verrà aggiornato a uno schermo da 11,6", e metterà da parte la CPU Intel Core i5 a favore di una prossima APU di AMD con core "Temash";

  • Ci sarà un terzo Surface chiamato "Surface Book" che avrà uno schermo da 14,6", e un chip Intel "Haswell" da 22nm.

14,6" per un tablet non sono affatto pochi, e se queste leak si riveleranno corrette sarà molto interessante vedere l'idea di tablet ibrido che scaturirà da questo formato. L'uso di una CPU Haswell ci sembra la scelta più plausibile trattandosi di una nuovo core altamente scalabile, e anche la rivisitazione dei formati dei primi due tablet non sembrano ipotesi così fuori dal mondo.

Il Surface RT è infatti un tablet che supera in diagonale la grande maggioranza dei suoi concorrenti ARM, mentre la versione Pro ci sembra a onestamente un po' troppo piccola per la potenza che offre. E proprio su questo ipotetico Surface Pro 2, il passaggio all'APU di AMD sembra il particolare più insolito, visti i rapporti stretti tra Microsoft e Intel (ma non perchè sfigurerebbe, anzi).

Come fa notare Neowin, per i nuovi chipset di Intel e AMD ci sarà da aspettare almeno fino alla metà del 2013, suggerendo quindi un ciclo di rinnovamento annuale, aggressivo ma non troppo, simile a molti altri prodotto hitech di aziende di rilievo.

Via | Neowin

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: