Progettato un cane robot per intervenire nei disastri come Fukushima

I fatti accaduti a Fukushima il giorno 11 Novembre 2011 hanno senza dubbio sconvolto l'intero Pianeta. Ma ancor di più il popolo giapponese ha mostrato una volontà di rimettere le cose a posto quasi sovrannaturale, senza piangersi addosso e soprattutto rimboccandosi le mani fin dal principio.

Toshiba ha saputo rialzarsi e ha progettato un cane robot per intervenire nei disastri come Fukushima, con conseguente possibilità di intervenire in zone radioattive nella più completa sicurezza. Ci troviamo di fronte solamente all'ultimo genito degli automi partoriti dalla celebre società.

Il disastro di Fukushima ha obbligato i giapponesi a richiedere l'intervento di automi americani per arginare il problema, dimostrandosi impreparati sotto un aspetto che la patria della tecnologia non può proprio prendere sotto gamba.

Toshiba ha lanciato quindi un nuovo robot in grado di aiutare i tecnici durante le fasi di smantellamento della centrale nucleare. Il dispositivo è caratterizzato di un dosimetro per misurare le radiazioni e sei telecamere. Garantita la resistenza del robot, il quale può rimanere in zone altamente irradiate, ad esempio un ambiente 100 millisievert, per circa un anno. Ambienti effettivamente pericolosi per l'uomo.

"Abbiamo bisogno di entrare e verificare innanzitutto quello che è rimasto", ha detto Goro Yanase, Senior Manager di Toshiba, aggiungendo "Si controlla molto facilmente grazie a un joystick e si muove grazie ai punti wifi che il robot stesso piazzerà sul suo cammino."

Oltre alle sopra citate telecamere e misuratore di radioattività, la macchina pesa 65 chili ed è alta circa un metro. E' dotata di un braccio in grado di muovere oggetti, e di quattro zampe in grado di salire rampe di scale, evitare ostacoli e di cambiare direzione.

Tuttavia, la macchina a quattro zampe ha mostrato il fianco in paio di occasioni. Durante la presentazione alla stampa specializzata, è stato riscontrato che il robot è soggetto a congelamento e in caso di caduta non è in grado di rialzarsi senza l'intervento dell'uomo.

Vi lasciamo quindi al video dimostrativo del funzionamento del nuovo prototipo di casa Toshiba. Buona visione.



  • shares
  • Mail