Android è "selvaggio e vulnerabile", iOS "troppo caro". Parola di Steve Ballmer

“Chiedere all’oste se il vino è buono” è un proverbio piuttosto comune ed è inutile spiegarne il senso. Se durante un’intervista, quindi, si domanda a Steve Ballmer di descrivere i suoi competitor nel mondo mobile, la risposta è prevedibile.

Android, quindi, è un OS “fuori controllo”, “selvaggio” e “vulnerabile ai malware”. Il rivale iOS è “carissimo” e “sotto stretto controllo”. Chiunque segua il mercato e la stampa specializzata, in effetti, troverà familiari le parole del CEO di Microsoft, anche perché sono alcuni dei luoghi comuni più radicati sulle due piattaforme.

Certamente non si tratta di affermazioni false, per una data definizione di "falso". Dai colleghi di Mobileblog viene pubblicato un articolo sui malware di Android con scadenza quasi regolare, mentre qualsiasi discussione sull’iPhone inizia con una lamentela sul prezzo - Che è davvero piuttosto alto per uno smartphone.

Ballmer però va oltre il luogo comune e ritiene che Microsoft si possa piazzare come felice compromesso tra i due contendenti nella percezione della gente. In questo caso è più che lecito fare leva sui sentimenti, perché il consumatore è il più vulnerabile nei confronti di questo genere di affermazioni - Il calcolo è corretto.

Steven Ballmer, comunque, ha offerto degli spunti più interessanti. Windows 8, Windows Surface e Windows Phone 8, ci dice, sono stati creati con grande impegno, sono ottimi prodotti e la compagnia lavora assieme agli sviluppatori di terze parti, non contro di essi o senza interpellarli, come fanno rispettivamente Apple e Google.

In effetti gli anni hanno insegnato agli sviluppatori quanto possano essere velenose le politiche dello store di Apple, e di come Google continui per la sua strada senza venire incontro a nessuno, salvo rarissime eccezioni.

Via | Techcrunch

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: