"Meglio un buon tablet di un PC da due lire", parola del CEO di Nvidia

Jen-Hsun Huang, il CEO di Nvidia, butta benzina sul fuoco della “guerra” tra tablet e PC con un’affermazione secca e decisa: secondo lui i consumatori ormai comprendono che un ottimo tablet è un investimento migliore rispetto ad un pessimo PC economico.

Nvidia ormai trae la percentuale più grossa dei propri introiti dal mercato mobile, fornendo alcuni dei processori più popolari della piattaforma ARM, presenti in gran numero su smartphone e tablet. Questo fa meditare sulle effettive dimensioni del mercato dei PC, dove Nvidia rifornisce portatili e fissi con le sue GPU, giustamente ritenute tra le più performanti sul mercato.

“[…] il mercato dei PC è incerto. Noi intraprenderemo un percorso cauto e ben calcolato nel futuro prossimo” ha continuato il CEO di Nvidia. Ma l’azienda non teme di cannibalizzare le proprie quote di mercato sostenendo i tablet contro i computer di vecchia concezione. “Non siamo davvero presenti nel mercato dei PC economici”, ha precisato.

Tralasciando la ricchissima ma marginale nicchia dei gamer, le economie di scala sembrano infatti favorire i tablet, che vedono i loro prezzi in calo. Finora un ottimo tablet (per dirla come la dice Jen-Hsun Huang) costava addirittura il doppio di un vero e proprio PC economico. L’avvento di Kindle Fire HD, iPad Mini e Google Nexus 7 ha cambiato le carte in tavola.

Se nei Natali passati era legittimo aspettarsi che il consumatore scartasse il tablet in quanto apparecchio limitato, quest’anno la percezione è cambiata radicalmente a favore di iPad e concorrenti, ormai accettati come strumenti utili e funzionali.

Via | VentureBeat

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: