Ruffletron è un prototipo di abito musicale che s’indossa con Arduino

Ruffletron è un esperimento della fashion designer Lara Grant e dell’ingegnere del suono Cullen Miller che consiste in uno strumento musicale da indossare come un abito qualsiasi. Non è il primo prototipo di wearable computing ad associare il suono ai movimenti del corpo, ma è indubbiamente un modo originale di concepire l’ingegnerizzazione della moda: se non bastasse, il progetto è basato su Arduino — il famoso dispositivo open hardware. Il filmato proposto dai creatori di Ruffletron è esaustivo a descriverne il funzionamento.

L’obiettivo della Grant e di Miller era duplice: intendevano realizzare un classico abito prêt-à-porter che fosse pure uno strumento musicale. Ruffletron sembra rispondere alla perfezione a entrambe le esigenze. Creare delle melodie orecchiabili potrebbe non rivelarsi molto semplice… però cimentarsi nella produzione musicale sfiorando, tastando e arrotolando parti del proprio indumento appare piuttosto divertente. I prototipi realizzati sono due e la versione finale è quella presentata dalla Grant nel filmato inserito qui sopra.

Dal punto di vista della tecnologia, Ruffletron utilizza LilyPad Arduino — una scheda concepita appositamente per il wearable computing. A questa sono associati Maxuino, OSCulator e Ableton Live che gestiscono la produzione musicale a livello di software. Il risultato è eccezionale sia nel design, sia nell'ingegnerizzazione. Un aspetto da non sottovalutare è l’occultamento totale dei cavi e dei circuiti stampati che compongono l’equipaggiamento hardware: scollegato da una strumentazione musicale, Ruffletron è un semplice abito.

Via | Arduino

  • shares
  • Mail