Naro-Tartaruga: in Svizzera parte lo studio di veicoli autonomi sottomarini

Un gruppo di studenti del Politecnico di Zurigo stanno lavorando su un progetto davvero ambizioso in grado di rendere autonomo l'utilizzo di mezzi sottomarini, grazie allo sviluppo della scienza robotica.

Il progetto si chiama Naro-Tartaruga, una vera e propria tartaruga robot in grado di nuotare in maniera efficiente e trasportare carichi direttamente all'interno del proprio guscio.

Attualmente il robot è costituito solamente da un cilindro d'alluminio con due pinne connesse, ma i disegni concettuali mostrano la forma finale della tartaruga. Potete trovare la fotografia poco sopra.

La tartaruga-bot ha una velocità massima di oltre 7 nodi, in grado di battere in una gara ogni tartaruga in carne e ossa. Inoltre il busto vanta di abbastanza spazio per la batteria e sensori che sono necessari per la funzione autonoma.

Le alette collegate alla tartaruga dispone di un meccanismo completamente tridimensionale, composti da tre attuatori per pinna in grado di azionare l'asse pinna in modo indipendente.

L'obiettivo finale è chiaramente la costruzione e la gestione di una serie di veicoli sottomarini totalmente automatizzati.

  • shares
  • Mail