Archos presenta il tablet 101 XS giusto in tempo per IFA 2012

Galleria Archos 101 XS

Riuscirà Archos a liberarsi dalla pessima nomea derivata da una serie di prodotti economici mal costruiti con una rinnovata gamma che sia elegante, intelligente ed aggiornatissima? Questa è di sicuro la sua intenzione.

Appena lanciato, il tablet Archos 101 XS ha un bellissimo design, una CPU moderna ed una cover magnetica con una vera tastiera QWERTY. Il prodotto, bello, leggero (600g) e sottilissimo (8mm), è stato presentato giusto in tempo per essere toccato con mano all’IFA 2012 di Berlino. Ma esaminiamo bene se questo tablet offre davvero quanto promette.

Un Archos con prestazioni premium? In effetti così sembra. Rimarchevolmente simile all’iPad più recente per peso e (all’incirca) dimensioni, è anche dotato di una cover magnetica con tastiera integrata. Un piccolo stand permette di incastrare il tablet sulla cover, consentendo di scrivere bene come su un Transformer - ma meraviglia delle meraviglie, sembra decisamente più solido, comodo ed elegante della soluzione offerta dal rivale Asus. Questo dock pesa due etti, funziona con un sistema magnetico, ma purtroppo non contiene una batteria aggiuntiva.

Il display è un onesto 10.1” con 1280x800 pixel, ci sono 16GB di memoria interna ed una CPU ARM dual core TI OMAP 4470. C’è solo la videocamera frontale per le chat. Quella posteriore è stata eliminata perché nessuno la voleva - il candore di Archos è commovente, e la compagnia ha davvero ragione su questo particolare punto.

La batteria di porte è completamente standard, dock a parte non ci sono formati proprietari di sorta. C’è una una MicroSD, MicroUSB e Mini HDMI, ma anche USB sulla cover/dock.

Il sistema operativo è Ice Cream Sandwich, ma Archos sostiene che Jelly Bean dovrebbe arrivare ben prima della fine dell’anno. Il fatto che l’upgrade venga previsto a breve è citato addirittura come feature, e non ne dubito. Il comune processore Texas Instrument e la scelta di Archos di non toccare minimamente l’OS adattandosi al sistema operativo standard garantiscono un update rapido.

I giornalisti di The Verge riportano qualche problema con questo tablet, purtroppo - possiamo sperare che si tratti di difetti “d’infanzia”, che verranno risolti prima possibile. Il primo riguarda l’accensione: ci vogliono troppi secondi affinché la pressione del tasto start venga registrata, ingannando così l’utente e frustrandolo. In secondo luogo, il sistema sembra impazzire spesso e volentieri quando viene collegato il dock, al punto da bloccarsi. Sono due pessimi difetti.

Siccome l’Archos 101 XS viene a costare €380, l’offerta è invitante. Personalmente vi consiglierei di cedere alla tentazione, ma solo dopo il passaggio a Jelly Bean e la risoluzione dei suddetti “disastri”. Vedremo meglio questo apparecchio all’IFA 2012.

Galleria Archos 101 XS
Galleria Archos 101 XS
Galleria Archos 101 XS
Galleria Archos 101 XS
Galleria Archos 101 XS

Via | Archos | The Verge

  • shares
  • Mail