Nexus Q, cambio di rotta: rimandato a data da definirsi

Il Nexus Q è stato rimandato a data da destinarsi

Google non è mai stata la più costante delle aziende, abbandonando o sacrificando con una certa regolarità i prodotti dopo un iniziale entusiasmo. Spero non sia successo lo stesso con il Nexus Q, ma è innegabile un forte ripensamento sulle sue caratteristiche: è stato rimandato a data da destinarsi. Gli sfortunati che l’hanno prenotato in anticipo lo riceveranno gratis, quando sarà finito. Ma sarà mai finito?

Il feedback iniziale degli utenti non è stato particolarmente positivo, secondo la mail che Google ha spedito. Per il quartier generale di Mountain View è necessario aggiungere feature ad un apparecchio che fa parecchie cose, ma non proprio quelle che tutti potrebbero desiderare da un media center da $300.

Il problema è tanto hardware che software. Tutte le app che dovrebbero essere supportate da un apparecchio che si occupa di riprodurre, ritrasmettere e amplificare musica e media non erano affatto supportate. E chiunque abbia un cellulare Android (o se per quello Windows Phone) ha ormai capito che se una feature software non è presente al lancio ma è una “promessa” è molto difficile vederla consegnata in seguito.

Al momento è assolutamente impossibile prevedere come il Nexus Q verrà cambiato. Se devo essere davvero sincero, ho addirittura il sospetto che questa strana sfera possa sparire per sempre, dimenticata e rimossa come se non fosse mai esistita. Purtroppo per Google, se davvero andasse così nessuno si dimenticherebbe mai di questo episodio oggettivamente imbarazzante.

Via | Crave

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: