Qualcomm al lavoro su di un SoC a 64 bit per WearOS

Qualcomm sarebbe al lavoro su di un nuovo SoC a 64 bit per offrire agli smartwatch WearOS maggiore potenza.

Fossil

Qualcomm sembra che abbia intenzione di voler dare una "svegliata" al settore degli smartwatch WearOS attraverso un nuovo e più potente SoC a 64 bit. Secondo le indiscrezioni condivise da WinFuture, il costruttore di chip starebbe lavorando su di una nuova soluzione che potrebbe chiamarsi Snapdragon Wear 429 o Snapdragon Wear 2700.

Secondo la fonte, al momento, Qualcomm starebbe lavorando su due piattaforme di test, entrambe con un 1 GB di RAM LPDDR3 e con 8 GB di storage di tipo eMMC 5.1. Il SoC sarebbe realizzato con una tecnica costruttiva a 12 nanometri. Dal punto di vista tecnico si tratterebbe di un bel passo in avanti non solo in termini di prestazioni ma anche di efficienza energetica.

Questo SoC dovrebbe supportare anche l'LTE e il recente standard Bluetooth 5.0. Dovrebbe essere presente anche Track3, un chip ausiliario dedicato alla funzione contapassi. Se davvero questo SoC debutterà sul mercato, i futuri indossabili WearOS potrebbero ricevere un boost prestazionale importante, offrendo agli utenti un'esperienza d'uso migliore. Inoltre, i miglioramenti in campo energetico potrebbero consentire di ottimizzare l'autonomia che da sempre è il tallone d'Achille di questa categoria di indossabili.

Non ci sono timeline per il debutto commerciale di questo SoC. Tuttavia, lo sviluppo si troverebbe in una fase iniziale e quindi è lecito ipotizzare che questa nuova piattaforma di Qualcomm potrebbe non arrivare in tempi brevi. Nel corso dei prossimi mesi sicuramente se ne saprà molto di più.

WearOS ha sicuramente bisogno di una soluzione simile per provare nuovamente a sfondare nel settore degli indossabili oggi controllato quasi esclusivamente dai prodotti di Apple.

  • shares
  • Mail