MSI VR One è un nuovo zainetto-PC per la Realtà Virtuale

Con l'avvento delle moderne soluzioni della tecnologia per la Realtà Virtuale, l'industria dell'elettronica da consumo ha “scoperto” un nuovo filone da esplorare. Sono moltissimi i produttori di gadget, soprattutto tra quelli di grande rilievo, ad aver intrapreso la ricerca di nuove idee e proposte da offrire al pubblico in futuro.

Sono in molti ad aver riflettuto sui relativi limiti imposti dall'avere un cavo che connette il visore ad un PC poggiato sulla scrivania; la soluzione, attualmente, sembra sia quella di infilare il tutto in uno “zainetto” creando un dispositivo che offre una nuova descrizione del concetto di “tecnologia indossabile”.

Anche MSI sta sviluppando il proprio "VR backpack", un gadget che è giunto alla sua seconda incarnazione. Il VR One è un'alternativa a tutti quei visori all-in-one a bassa potenza che non sono in grado di offrire prestazioni paragonabili a quelle dei più potenti HTC Vive e Oculus Rift.

Il One è appunto uno zainetto con dentro un PC completo a cui può essere collegato un visore come il sopraccitato Vive. Pesa in totale poco meno di quattro chili ed ospita, tra le altre cose, un processore Intel Core i7 di sesta generazione (Skylake) nonché una delle nuovissime schede grafiche Nvidia GeForce GTX 1070M (la versione per dispositivi mobile). A corredo ci sono anche diverse porte per le periferiche tra cui HDMI, Mini DisplayPort, USB-C Thunderbolt 3 e USB 3.0.

Uno dei più importanti aspetti, dal momento che il One si propone di offrire intrattenimento RV senza fili, è l'autonomia : stando a quanto affermato da MSI, il One arriva a 1 ora e mezza di attività. Lo zainetto comprende due batterie che possono essere scambiate a caldo, senza spegnimento, una alla volta. Il design è forse uno dei punti peggiori del VR One – l'azienda taiwanese non è certamente conosciuta per il suo gusto sobrio – ma è sicuramente migliorato rispetto a quello del primo prototipo.

MSI ha presentato ufficialmente il nuovo One ma non ha ancora rivelato informazioni precise sul prezzo di partenza. Naturalmente si tratta di tecnologia emergente che deve risolvere ancora molti problemi e sopperire a molte mancanze e che, probabilmente, nei primi momenti attirerà soprattutti gli entusiasti più che il consumatore medio.

Via | Slashgear

  • shares
  • Mail