RippleBuds, auricolare Bluetooth e microfono direttamente nel canale uditivo

Pur non essendo, quella degli auricolari Bluetooth, una categoria di dispositivi sulla cresta dell'onda, le novità in materia di headset non mancano ed alcune riescono ad essere anche interessanti.

I RippleBuds sono una particolare variante sul tema che, ovviamente, cerca di rendere il concept alla base degli auricolari Wi-Fi ancora più comodo. L'omonimo team, una startup nata a San Francisco, California, è alla ricerca di fondi tramite crowdsourcing.

La proposta di RippleBuds è quella di un unico auricolare, dalle dimensioni contenute e compatte, privo di unità esterna. Il microfono è infatti posto all'interno della stessa unità e si affida alla tecnologia di cancellazione del rumore oltre che alla stessa anatomia umana. Nel parlare il suono della voce vibra attraverso il canale uditivo (tromba di Eustachio) e sono proprio queste vibrazioni ad essere rilevate dal microfono.

Stando a sentire le esperienze dirette con il prodotto, i RippleBuds sembrerebbero mantenere le proprie promesse, eliminando gran parte del rumore di fondo anche in ambienti particolarmente caotici.

L'auricolare promette un'autonomia di circa 5 ore (che potrebbe variare a seconda dell'utilizzo) e viene accompagnato da una pratica custodia dotata di batteria in terna in grado di ricaricare fino a sei volte un'unità.

Il prezzo di mercato non sarà particolarmente amichevole e partirà dai 130 dollari mentre la campagna su Kickstarter li offre al costo molto più attraente di 69 dollari o di 99 dollari per la coppia.

  • shares
  • Mail