In Italia trave di cemento armato grazie alle stampanti 3D

trave-stampa-3d.jpg

Vi stiamo per parlare di un progetto tutto italiano che riguarda le stampanti 3D e ha come protagonista WASP, azienda conosciuta per aver sviluppato tecnologie di questo tipo: WASP ha intenzione di portare avanti un'iniziativa che, assieme alle Università di Napoli e Pavia, le permetterà di realizzare travi in calcestruzzo attraverso la stampante Big Delta di circa quattro metri.

Tali travi, combinate con alcuni elementi in acciaio, andranno a costituire strutture più complesse e forti per la costruzione degli edifici. Qual è il vantaggio? Non tanto il tempo quanto l'inquinamento: un approccio di questo tipo, infatti, consente di ridurre della metà le emissioni di anidride carbonica, visto che le strutture che andranno a costituire gli edifici saranno vuote al loro interno e garantiranno, di conseguenza, anche un notevole relativamente a peso e materiale.

Il Dipartimento di Strutture per l'Ingegneria e l'Architettura dell'Istituto "Federico II" di Napoli avvieranno un test sulla prima trave realizzata: sono 3.5 metri d'altezza, che daranno il via, qualora i risultati dovessero rivelarsi positivi, ad ulteriori sperimentazioni nell'assemblaggio e nelle costruzioni. Speriamo che tutto vada per il verso giusto.

  • shares
  • Mail