Argo, il drone-sommergibile che può stare in acqua fino a 4 anni

Argo è un nuovo drone che farà parecchio parlare di sé in futuro: ecco perché

drone-argo.jpg

Vi parliamo da sempre di droni, eppure ogni volta che ve ne presentiamo uno – Argo è quello di oggi – riusciamo a sorprenderci, visto che scienza e tecnologia riescono a compiere sempre dei miracoli: così li avremmo definiti qualche tempo fa, affannati come siamo stati e come siamo tuttora in questa corsa, forse inarrestabile e comunque inutile per certi aspetti, all’acquisto dello smartphone e del tablet di ultima generazione.

Il futuro, invece, sembra essere scritto non solo nella domotica e nella scienza applicata alla salute e alla medicina, ma anche in droni e robot: pensate soltanto alle consegne che Amazon potrà effettuare così, già come fa il colosso cinese Alibaba, del resto; e che dire di robot che corrono, saltano, schivano ostacoli e molto altro ancora, come fossero degli animali veri e propri? Insomma, il progresso porta il loro nome, ed è sulla base di queste premesse che vi presentiamo Argo.

Approfondisci: Pepper va a ruba, il robot che prova emozioni conquista il Giappone

Argo è sviluppato da un gruppo di ricerca della Laval University del Canada: si tratta di un drone sommergibile che può esplorare il Mar Glaciale Artico fino a due chilometri di profondità; questo, per monitorare i microrganismi del mare e fornire informazioni sui cambiamenti climatici. E non pensate che le immersioni non saranno continuative e dovranno interrompersi per forza dopo un breve periodo: Argo, infatti, può restare sommerso per ben quattro anni, emergendo soltanto per fornire le informazioni che gli scienziati richiederanno quando ne avranno bisogno. Sorprendente, non trovate?

Via e fonte foto | Engadget

  • shares
  • Mail