Sony Project Morpheus verrà lanciato nella prima metà del 2016

Nel corso dell'E3, la fiera dell'intrattenimento videoludico, Sony ha di nuovo dato dimostrazione del suo Project Morpheus. L'headset per la realtà virtuale verrà lanciato ufficialmente nella prima parte del 2016.

sony-project-morpheus

Quella legata alla realtà virtuale è entrata molto velocemente a far parte della lista delle tecnologie emergenti più discusse ed attese ed i concorrenti in campo non sono pochi. Tra questi c'è ovviamente Sony, una delle più grandi firme nel campo dell'intrattenimento videoludico, che avrà a che fare con un bel po' di competizione: Oculus Rift. uno dei responsabili nel riportare in auge l'interesse per questa tecnologia, HTC, Samsung e Valve sono solo alcuni degli avversari.

La compagnia giapponese ha annunciato l'arrivo del proprio gadget per la realtà virtuale, Project Morpheus, nei primi mesi del 2014 e ne ha presentato un secondo prototipo pochi mesi fa, offrendo qualche dettaglio tecnico.

Poche ore fa, invece, in occasione dell'inizio dell'E3 2015, la fiera dedicata all'intrattenimento videoludico, Sony annunciato che Morpheus verrà lanciato ufficialmente nel corso della prima metà del 2016.

Come già sappiamo l'headset è dotato di un display OLED da 5,7 pollici con una risoluzione definita Full HD 1920 x RGB x 1080 dove ogni pixel contiene dei sub-pixel "red, green e blue". Il dispositivo ha una latenza di 18 millisecondi, refresh rate di 120hz ed è dotato di diversi LED per il tracciamento spaziale a 360°. Quanto a sistema di controllo, l'headset sarà ovviamente compatibile con il joypad PS4 e si affiderà al Playstation Move progettato specificamente per la realtà virtuale.

L'hardware però ovviamente non basta a convincere gli utenti ad acquistare un gadget che, stando a quanto affermato dagli executive Sony, costerà svariate centinaia di dollari: al momento del lancio saranno 20 i titoli videoludici con supporto per la realtà virtuale. Morpheus potrà inoltre contare sul servizio Playstation Vue che offrirà contenuti forniti da media come Showtime e Fox.

Via | Wired

  • shares
  • Mail