MIT Origami Robot si autoassembla, cammina e nuota, poi si scioglie (VIDEO)

Questo Origami Robot presentato dai ricercatori del MIT riesce ad autoassemblarsi, a cammbinare e nuotare, fino a dissolversi

Quello che è stato mostrato alla conferenza ICRA 2015 è un piccolo robot che farà senz'altro parlare di sé in futuro, visto che il video mostrato dai ricercatori del MIT ha fatto centro: questo Origami Robot, infatti, è in grado di muoversi su qualsiasi superficie, anche inclinata, e di nuotare sfruttando i campi elettromagnetici; tutto in maniera quasi naturale, come se a muoversi forse un essere vivente qualsiasi (è lo stesso caso del ghepardo-robot di cui vi abbiamo parlato pochi giorni fa).

Il nome Origami non è stato scelto senza motivo: il robot, infatti, è in grado di autoassemblarsi; come vedete nel video qui sopra, all'interno di due strati di un piccolo foglio di carta vengono messi degli elementi in PVC e un magnete: se appoggiate il PVC su una superficie calda, quest'ultimo si contrae e il foglio inizia a piegarsi in un certo modo, fino a formare proprio un robottino, che poi inizia a muoversi 3 centimetri al secondo. Vi starete chiedendo come fa: il cuore di Origami Robot è proprio il magnete, che, assieme a quattro bobine, genera un campo in grado di dare movimento alla piccola struttura.

Approfondisci: ecco le scarpe intelligenti che mostrano lo stato d'animo

Cosa può fare il MIT Origami Robot?


mit origami robot

I ricercatori del MIT, attraverso un sistema molto sofisticato, sono riusciti anche a far nuotare il robot, a fargli spostare oggetti, a farlo arrampicare e molto altro ancora. Nel titolo scriviamo che il robot può anche sciogliersi, e infatti, se usate il polistirene, Origami Robot può essere dissolto nell'acetone (ma non nell'acqua, almeno per il momento): sono dettagli tecnici che forse annoiano e che non sono certo alla portata di tutti - abbiamo cercato di semplificarli al massimo -, ma sicuramente vi serviranno per vedere il filmato del robot con maggiore consapevolezza.

Via | Engadget

  • shares
  • Mail