Le onde cerebrali diventano password? Nuova ricerca in Spagna

Le onde cerebrali potrebbero sostituire in tutto e per tutto le password: un recente studio garantisce il 94% dell'affidabilità

cervello

La ricerca di cui vi parliamo è stata firmata da un gruppo di studiosi del Centro sulla Cognizione, il Cervello e il Linguaggio in Spagna: si tratta di uno studio molto interessante, perché, se da una parte conferma che in futuro la protezione dei dati sarà sempre più importante, dall'altra ci fa capire che la tecnologia potrebbe spingersi davvero oltre con i mezzi di cui disponiamo. In Spagna, pensate, credono di poter abbandonare definitivamente le password e di passare a un sistema di riconoscimento dell'utente basato su onde cerebrali: cosa che porta con sé qualche problema di usabilità - se un mio amico necessita di entrare nel mio account dopo che io gliel'ho permesso, come potrebbe fare? -, ma che non per questo merita di essere scartata a priori. Anzi.

L'idea è questa, ed è stata già sperimentata: secondo il gruppo di ricerca, le onde magnetiche del cervello possono identificare una persona soltanto e dunque comunicare allo smartphone, tramite un dato apparecchio, tutte le informazioni necessarie che si comunicherebbero via password; in altri termini, attraverso l'analisi del segnale cerebrale, il telefono, il tablet o lo strumento dotato di questo apparecchio potrebbero essere in grado di fare prodigi: il test è stato fatto su quarantacinque volontari e gli studiosi sono riusciti a identificare ben 75 acronimi. Come vedete, insomma, non si tratta di fantascienza.

Approfondisci: gli SSD causano davvero la perdita di dati?

Peccato che il grado di affidabilità sia ancora al 94% e che quindi la sicurezza non è ai livelli che uno s'immagina; a questo, poi, dovete aggiungere che il dispositivo che analizza le onde cerebrali non può essere ancora prodotto in grandi quantità: ci sarà da aspettare, dunque, e noi saremo qui non più a consigliarvi delle strategie per creare una buona password ma i vari analizzatori di onde che il mercato offrirà.

Via | Geek.com
Fonte foto | Mental-waves.com

  • shares
  • Mail