Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no

Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no
La piattaforma Chromebook orientata al cloud di Google si rinnova e arriva alla sua seconda generazione, ancora una volta grazie a una partnership con Samsung che ha lanciato in queste ore i nuovi Chromebook Series 5, accompagnati da un nettop casalingo tutto nuovo che richiama i Macbook Mini.

Nonostante il mezzo flop della precedente generazione, il Chromebook viene rinnovato sia nell'hardware che nel software, che arriva ora alla versione 19 del Chrome OS, che per l'occasione diventa un po' meno browser e un po' più sistema operativo grazie all'integrazione di nuove funzioni che lo avvicinano a Windows.

Chromebook Series 5 arriverà in due varianti uguali in tutto tranne per la connessione 3G dedicata, un elemento a nostro avviso fondamentale per questo genere di computer che risulta gravemente penalizzato nell'uso offline. Ad alimentare il notebook troviamo un Celeron 867, un dual-core basato su core Sandy Bridge da 1,3GHz dotato di grafica integrata HD 3000. Prestazioni nettamente superiori agli Atom dei comuni netbook a svantaggio però dei consumi e quindi di un'autonomia minore. Serviva davvero tanta potenza? Continua dopo la pausa.

Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no
Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no
Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no
Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no

Completano la dotazione uno schermo non-IPS da 12" da 1280x800, uscita video DisplayPort, 4GB di memoria, 16GB di spazio di memorizzazione su SSD (come la primissima generazione di netbook), lettore di schedine di memoria, una modesta webcam e il solito set di porte, ma non USB 3.0.

Nel Chromebox troviamo invece un hardware leggermente più potente basato sul Celeron B840 da 1,90GHz, una pletora di porte USB 2.0 (6) e niente modulo 3G, il tutto impacchettato in un minuscolo case dagli angoli stondati.

Dalle prove effettuate sul web si legge che la nuova generazione offre un sistema operativo più solido e maturo, assente da problemi di prestazioni o stabilità ma che soffre delle inevitabili limitazioni di una piattaforma che vive sul cloud. A conti fatti una soluzione migliore, ma che deve fare ancora molta strada per essere usato come sistema primario per l'intrattenimento o per il lavoro.

I nuovi Chromebook e Chromebox non si possono nemmeno definire esattamente economici. Tutti i modelli sono disponibili a partire da oggi, con prezzi di 360€, 440€ e 265€ (prezzi convertiti dal dollaro e non tassati), rispettivamente per le versioni portatili Wi-Fi, 3G e per il nettop.

Ecco alcune recensioni per approfondire:
The Verge
TechRadar UK (Chrome OS 19, Chromebox)
Hardware Upgrade (italiano)

Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no - galleria immagini
Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no
Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no
Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no
Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no
Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no
Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no
Arrivano i Chromebook di seconda generazione: cosa è cambiato e cosa no

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: