Mercato dei tablet: Kindle Fire in calo, Apple gioisce un'altra volta


Se mi si permette la battuta estremamente scontata, il Kindle Fire si è rivelato un vero e proprio fuoco di paglia. Capace di ottenere il 16,8% del mercato a Natale con 4,8 milioni di unità vendute, il Fire non conferma il successo e cade al 4% del mercato globale nel primo quadrimestre del 2012. Il tablet di Amazon è molto forte sul mercato statunitense, che è anche l'unico in cui è disponibile, ma il suo futuro non sembra proprio roseo.

Il Kindle Fire è stato il secondo tablet più venduto a livello globale dopo l’iPad durante le festività natalizie, ma come capita ogni anno la corsa ai gadget si è smorzata subito dopo. Il mercato è precipitato e l’unica che può vantare vendite in crescita è Apple, che ha messo sul mercato l’iPad 3 e sta mietendo il successo di una politica di sviluppo del prodotto estremamente azzeccata.

Amazon dal canto suo si ritrova tra le mani una possibile fregatura. Ha ispirato tutti gli altri produttori a creare tablet economici ma di buona qualità, una concorrenza che non è in grado di affrontare grazie alla propria fama. Da quando il Kindle Fire ha fatto il botto su un mercato che lo vedeva fondamentalmente correre da solo è già passata molta acqua sotto ai ponti. All’orizzonte si stagliano il Samsung Galaxy Tab 2, l’Asus Transformer Pad 300 e forse persino il Nexus Tablet. Di fronte a questi apparecchi il Fire sarà vecchio e per come stanno le cose non potrà combattere contro i loro prezzi di poco superiori, nè contro una diffusione mondiale (il Fire, lo ricordiamo, è venduto solo in USA).

Prima del suo lancio parlavamo di come il Fire fosse una misura difensiva, una toppa da piazzare sul mercato mentre un modello migliore veniva prodotto. Mi auguro per Amazon che ciò corrisponda a verità.

Via | AllThingsD | PHAndroid

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: