Lenovo ThinkPad E430, E530 e X230: Sandy e Ivy Bridge dalle forme usuali


Proprio ieri in occasione dell'annuncio del Sony Vaio T13 avevamo parlato di come gli ultrabook hanno rotto quel trend di grigiume e forme tradizionali. Cosa che decisamente non interessa a Lenovo, che continua a proporre gli storici ThinkPad -- prima di IBM, ora di Lenovo -- in un sempre più raro colore nerissimo e un aspetto che definire tradizionale sarebbe un eufemismo.

Emblema del notebook "da lavoro", la linea ThinkPad si rinnova con due nuovi modelli di fascia media da 14 e 15 pollici, rispettivamente E430 e E540. Su entrambi troviamo un Intel Core i3-2350M (2.3GHz) con core Sandy Bridge di penultima generazione, niente Ivy Bridge.

Vista la collocazione di fascia media ritroviamo specifiche piuttosto ordinarie: 4GB di DDR3, 320GB di spazio su un hard disk tradizionale e una GPU integrata Intel HD, che va ad alimentare gli schermi da 1366x768 (su entrambi i modelli). Continua dopo la pausa.

Niente di particolarmente eccitante, ma parliamo comunque di una linea che porta con se un notevole bagaglio di affidabilità. Basti pensare che i ThinkPad sono gli unici modelli certificati per essere usati sulla base orbitante ISS. I modelli partono entrambi da 549$, che dovrebbero diventare all'incirca 500€ tasse incluse. La disponibilità per ora è limitata al mercato statunitense e asiatico.


Per vedere il primo notebook Ivy Bridge marchiato ThinkPad bisognerà invece aspettare qualche settimana, otto per la precisione. Il primo modello a ospitare la nuova CPU sarà l'X230 (la foto qui in alto, trapelata da qualche giorno sul web), riferito da alcuni siti come un modello di classe ultrabook, anche se a dire la verità di ultrabook sembra avere ben poco.

Tra le caratteristiche troviamo uno schermo da 12,5 pollici da 1366x768 pixel, hard disk tradizionali da 320, 500GB oppure 180GB su SSD, un meccanismo di cerniere ad angolo piatto e un curiosamente una variante "tablet", l'X320t, di cui però non esistono ancora foto.

Via | Ubergizmo | Electronista

  • shares
  • Mail