Debutta l'Ivy Bridge di Intel, ridotti i consumi e GPU più potente - le prime recensioni


L'embargo sulle nuove CPU Intel è concluso: Ivy Bridge è finalmente tra noi e tutti i siti di riferimento hanno pubblicato le loro prove per le versioni desktop e mobile della terza generazione di processori Core. Da tempo le specifiche e le preview ci hanno dato un'idea di cosa aspettarci, un salto di prestazioni (decisamente maggiore del previsto) e consumi minori, sopratutto nelle varianti per notebook.

Un salto di potenza inusuale per la tabella di marcia "tick-tock" di Intel, che fin'ora alternava rinnovamenti architetturali di una certa importanza (tock) alla miniaturizzazione del processo produttivo (tick). Ivy Bridge è un "tick plus", un passaggio agli stampi da 22 nanometri con tecnologia transistor tri-gate 3D che porta anche importanti cambiamenti nel core del processore.

L'aspetto più interessante è probabilmente nella GPU integrata che porta prestazioni doppie rispetto a Sandy Bridge, permettendoci di farci giocare (a settaggi medio-bassi), lavorare e convertire video senza rimpiangere troppo l'assenza di una GPU separata di Nvidia o AMD. L'articolo continua dopo la pausa.

Ecco una panoramica delle prime recensioni degli i7 con core Ivy Bridge apparse sulla rete:

Il mercato verrà inondato dai nuovi ultrabook, laptop, all-in-one e desktop con le nuove CPU già a partire da questo mese, ma anche se i nuovi modelli appaiono invitanti forse è meglio aspettare ancora la fine dell'anno e vedere se Windows 8 riuscirà veramente come promesso a rivoluzionare il mondo dei notebook.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: