Lexar JumpDrive Triton: una super chiavetta


Probabilmente non è giusto nei confronti del Lexar JumpDrive Triton definirlo semplicemente una “chiavetta”: è un vero e proprio drive portatile dalle dimensioni estremamente compatte, dotato di una marcia in più rispetto alla maggior parte delle SSD della sua stazza: la compatibilità con lo standard USB 3.0.

Sebbene il Triton si trovi a suo agio con USB 2.0 e l’ancora più vecchio USB 1.0, ovviamente dà il meglio di sè con il nuovo standard, estremamente più veloce e potente. Trasferire file di grosse dimensioni non è mai stato così facile, anche se la formattazione originale in FAT32 potrà aiutarvi solo fino a 4GB (tanto passare a NTFS è facilissimo). Inutile dire che una formattazione ad un file system più attuale è caldamente consigliabile: il Triton può trasferire un film full HD 1080p in meno di venti secondi.

Parlando dal punto di vista del look, ci troviamo davanti ad un aggeggio smilzo ma non microscopico come alcuni piccolissimi drive che si vedono in giro. Il corpo è parzialmente in lega d’alluminio, rifinito in plastica lucida, e si tratta di una finitura piuttosto robusta. La presa USB è evidenziata da accenti blu, che segnalano l’aderenza allo standard 3.0. Non c’è l’indicatore dello spazio libero, ma in cambio si vede un LED che segnala il collegamento e la fase di lettura/scrittura.

I prezzi sono piuttosto alti, ovviamente. In America, parliamo di $55 per 16GB, $80 per 32GB e $200 per 64GB (in arrivo a marzo). In Europa i prezzi sono similari, variando come al solito da negozio a negozio.

Via | CNet

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: