Hagent: il robot che immagazzina calore e poi lo libera dove fa freddo

Mentre viviamo tutti avvolti nella morsa del freddo, è naturale cercare di immaginare quale potrebbe essere il metodo più efficace per scaldare la casa. Un robot come Hagent non sarebbe di sicuro l’ipotesi più comune, ne sono certo, eppure questo apparecchio automatico concepito da un team di designer tedeschi è originale ed intelligente: si piazza vicino alle fonti di calore, lo immagazzina e poi va alla ricerca di ambienti freddi per rilasciarlo.

La moderna tecnologia è infatti in grado di concepire e produrre dei materiali definiti PCM (phase change material), i quali, solidificandosi e sciogliendosi ad una precisa temperatura, immagazzinano e poi rilasciano un grande quantitativo di energia.

Hagent è programmato per andare a caccia di fonti di calore, che siano termosifoni o (molto meglio) un più arcaico e semplice caminetto, ed esporre il suo contenuto di PCM per assorbirlo. Suppongo che poi sia programmabile come un Roomba, e si direzioni più o meno automaticamente verso un ambiente bisognoso di calore per espellerlo.

Il problema, a parer mio, è che questo robot è decisamente più efficace per chi non ha un sistema di riscaldamento moderno. Ne trarrebbe beneficio chi ha poche fonti di calore isolate, molto forti ed inefficienti (come per l’appunto stufe o il suddetto camino), sparse in una casa gelida. Gli altri si troverebbero a doverlo usare come “sistema ausiliario”. Per ora Hagent resta un prototipo, comunque, e penso dovremo attendere qualche anno per vedere come si evolverà.

Via | Crave

  • shares
  • Mail