GPS: un sistema preciso al centimetro arriva dal Texas

Il progresso è tale quando porta a godimenti tangibili in termini di utilità e di facile sfruttamento delle sue risorse. Migliorare le prestazioni dei dispositivi è utile in tal senso.

FRANCE-TECHNOLOGY-BUSINESS-COMPANY-GOOGLE

Un gruppo di ricercatori dell'Università del Texas di Austin, specializzato nello sviluppo dei sistemi di posizionamento e navigazione satellitare civile (mediante l'uso di una rete di satelliti in orbita), ha messo a punto un sistema in grado di fornire una precisione al centimetro per gli strumenti GPS (acronimo di Global Positioning System, ossia Sistema di Posizionamento Globale).

L'obiettivo è quello di fornire al fruitore, mediante il terminale mobile o un ricevitore GPS, una correttezza delle informazioni superiore a quella oggi comune, per quelle applicazioni che richiedono una localizzazione esatta, ma anche per la realtà virtuale.

La qualità dei sistemi GPS continua a migliorare e gli step di nuova generazione dovrebbero aggiungere più precisione. Al momento, però, restano delle tolleranze insufficienti per alcune tipologie d'uso.

I ricercatori della Cockrell School of Engineering dell'ateneo statunitense hanno progettato una soluzione in grado di raggiungere una soglia d'errore di pochissimi centimetri in termini di correttezza del posizionamento. Questo potrà tornare utile per smartphone, strumenti di realtà virtuale, droni e quant'altro.

Già oggi esistono dei sistemi di posizionamento molto precisi in alcuni settori di attività, ma richiedono grandi antenne. Ora il piacere della correttezza quasi assoluta potrebbe interessare bacini molto più vasti di utenti.

Via | Generation-nt.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail