Google al lavoro su nuove batterie più sicure e flessibili, tutti i progetti dell'azienda

Google sarebbe al lavoro su una nuova tipologia di batterie: ecco tutti i rumor

batteria google

Continuiamo a parlare di nuove batterie, dopo le ultime notizie, diffuse anche dai vari telegiornali italiani, su una batteria particolare studiata dalla Stanford University: batteria che - come ben sapete - dovrebbe vantare velocissimi tempi di ricarica e offrire maggiore sicurezza, vista la sua composizione e struttura. Oggi è Google a far parlare di sé per via di nuove soluzioni in questo ambito, perché Ramesh Bhardway, ex ingegnere Apple ora al lavoro nei Google X Labs ed esperto proprio del settore, ha voluto dire qualcosa di più sull'argomento. Vediamo tutti i dettagli.

Bhardway ha dichiarato che Google è al lavoro da parecchi anni su diversi progetti legati all'uso di batterie e che quindi è nel suo interesse sviluppare una tecnologia tale da poter dare valore aggiuntivo a tutti i suoi lavori: sapete bene, infatti, che una batteria performante e ricaricabile velocemente è una batteria che migliora l'esperienza d'uso di qualsiasi smartphone e tablet, oltre che di dispositivi indossabili e gadget di vario tipo; pare, inoltre, che Google voglia cercare di fare il possibile per avere una produzione interna di batterie e aumentare notevolmente gli introiti.

Approfondisci: Lightors, batterie ricaricabili fino a 500 volte con cavo USB

Attualmente, la ricerca si muove verso lo studio di una soluzione con ioni di litio come quella attuale, ma decisaente potenziata; Google sarebbe al lavoro su modelli solid state basati sull'uso di pellicole e componenti solide che permettano di eliminare tutti i liquidi all'interno, garantendo, dunque, maggiore sicurezza e flessibilità (e questi ultimi due aspetti sono fondamentali in un mercato dove si è sentito spesso parlare di autocombustione e all'interno del quale, a quanto pare, si affermeranno sempre di più i dispositivi flessibili).

Vi terremo aggiornati, ovviamente, su tutti i progetti di Mountain View.

Fonte foto | Mobileos

  • shares
  • Mail