ARC, una penna contro il Parkinson progettata da alcuni studenti

Grandi progressi nel mondo della scienza con ARC, penna che permette di risolvere alcuni problemi legati alla micrografia

penna arc parkinson

La tecnologia continua a fare passi da gigante e questa penna biro ne è la più chiara dimostrazione: si tratta di un particolare dispositivo che un team di studenti del Royal College of Art e dell'Imperial College di Londra ha studiato contro il Parkinson, precisamente contro la micrografia, che è uno degli effetti negativi del morbo, purtroppo consistente nell'impossibilità di scrivere in modo chiaro e comprensibile (proprio a causa del Parkinson, infatti, la persona inizierebbe a scrivere tutto progressivamente più piccolo fino a non farsi capire più).

Potete ben capire, insomma, quanto sia importante l'aver studiato questa penna ARC, la quale, dotata di motori che vibrano e stimolano determinati muscoli, permette di risolvere il problema e consente, dunque, di scrivere come sempre. E non è finita qui: essendo molto grande come aggeggio, la penna permette a chi la impugna di coordinare in modo preciso tutte le dita; insomma, non si può certo dire che ARC non risolva gran parte dei problemi dovuti dalla micrografia.

Approfondisci: Power Pen, una penna che carica smartphone e tablet

Non si tratta del primo caso in cui la tecnologia propone soluzioni di questo tipo: pensate, per esempio, a Lift Labs, che un po' di tempo fa lanciò nel mercato un cucchiaio, Liftware, utilizzabile anche da coloro che soffrono di Parkinson, i quali sono riusciti a nutrirsi autonomamente. Speriamo che la tecnologia faccia sempre maggiori progressi e che non sia questa l'ultima volta in cui si è parlato di hardware e software per patologie di vario tipo.

Via e fonte foto | Engadget

  • shares
  • Mail