Da Inside Secure un chip NFC per riconoscere la merce contraffatta


La compagnia francese Inside Secure propone una nuova tecnologia per risolvere una volta per tutte il problema delle contraffazioni, un chip NFC da integrare in ogni prodotto che consente ad uno smartphone il riconoscimento immediato.

Se le grandi firme inizieranno ad usare queste piccole “spie” nascoste, chiunque potrà accertarsi dell’autenticità della mercanzia passando su di essa il proprio smartphone.

I chip NFC non richiedono alcun tipo di energia, per funzionare gli basta solo la vicinanza di uno smartphone (o un tablet ovviamente) dotato di un lettore NFC, al quale comunicheranno i dati per l’autenticazione. Se il prodotto è particolare o complesso, magari di grosse dimensioni, al chip verrà aggiunta un’apposita antenna. Inside Secure ha già preparato i progetti per molte varianti, applicabili ad ogni genere di mercato.

Nel caso di merci deperibili o delicate, il chip può anche rilevare alterazioni dei dati ambientali o elettronici, per poi comunicare all’utente che qualcuno ha cercato di modificare le informazioni, il bene stesso oppure che non ha conservato quest’ultimo con diligenza. Questa tecnologia potrebbe persino essere adattata a fini pubblicitari, comunicando agli utenti che hanno dimostrato interesse verso questo genere di oggetto la vicinanza con un affare da non perdere.

Via | Engadget
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: