Guida ai droni, Natale 2014: droni professionali e di fascia alta

Il drone è uno dei regali più gettonati per la stagione delle feste 2014. Ma non tutti i droni sono adatti a finire sotto un albero di Natale: acuni velivoli multirotore sono complicati mezzi elettronici che richiedono passione e un investimento significativo.

Ok, avete comprato il drone per vostro figlio, e anche per suo fratello, e vi siete anche adattati a spendere qualche centinaio di euro per un “mid-range”, con il quale la maggior parte dei piloti drone si fa le ossa per pilotare qualcosa di più grosso.

Già, “di più grosso”… Ma a cosa ci riferiamo, qui? Ebbene, parliamo dei droni professionali e semiprofessionali. Non c’è un limite massimo per quello che si può spendere con un drone, come non ce n’è uno per quanto concerne un aereo vero e proprio. In questo momento ci sono superpotenze che stanno spendendo miliardi di dollari per droni bellici, ma noi dal canto nostro ridimensioniamo i nostri obiettivi e puntiamo a qualcosa di meno fantascientifico, per quanto del tutto impensabile qualche anno fa.

Avete più di €1000 che vi stanno bruciando un buco nel portafoglio e sapete usare un drone abbastanza da non schiantare il suo costosissimo scafo ogni 5 minuti?

DJI Phantom 2 Vision


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Ma come? Non abbiamo visto il Phantom 2 già nella scorsa puntata di questa guida? Ebbene sì, ma si dà il caso che DJI offra i suoi incredibili droni con soluzioni differenti, e Phantom 2 vision viene già dotato di una GoPro Hero 4 e supporto per le SD fino a 32GB, capace di sparare al vostro device mobile il feed diretto del video.

Uno dei droni più facili da pilotare risultan anche essere uno dei più convenienti ed economici tra quelli capaci di fare ottime riprese aeree.

Prezzo: $1396 con batteria aggiuntiva

DJI Inspire 1


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Saliamo decisamente di categoria con il drone successivo, per quanto si resti all’interno dello stesso brand. L’Inspire 1 è un vero drone professionale, con una videocamera dedicata e dimensioni piuttosto imponenti. Le sue parti superleggere in fibra di carbonio gli danno un aspetto decisamente aggressivo, con le grosse eliche che emettono una nota decisamente più seria rispetto ai droni di categorie più modeste. L’inspire è quasi come un trasformer, visto che solleva le sue eliche per non comparire mai nelle riprese della sua videocamera.

L’Inspire vola a 2km di distanza senza battere ciglio, e la connessione con il radiocomando sopporta edifici e irregolarità del suolo in maniera più affidabile rispetto al fratello piccolo. La sua videocamera, inoltre può muoversi liberamente con un angolo di 360°, e può essere controllata indipendentemente da un cameraman. Il segnale è tutto gestito dal radiocomando (che può gestire la videocamera, non SERVE il cameraman, ma una porta HDMI può spedire il segnale altrove e i controlli possono essere separati).

L’Inspire 1 è velocissimo. Raggiunge anche gli 80 km/h, una velocità che lo rende decisamente pericoloso, ma che consente di inseguire un’auto in una scena ad alta velocità e di riprendere grandi spazi in poco tempo.

Prezzo: $2900-3400 sul sito

QAV400

Più che un drone, questo è un kit - ma per fortuna arriva anche in una versione già assemblata. Pensato per “l’immersione”, ovvero per il First Person View, questo bestione è costruito su ordine specifico dell’utente, e il suo costo dovrebbe aggirarsi sui $1000 una volta che abbiamo aggiunto anche il costo di un kit di batteria e caricabatterie.

Il suo telaio pesa solo tre etti e mezzo, ma è particolarmente rigido e stabile. Una piattaforma perfetta per qualsiasi sia il vostro scopo di piloti di drone, che sia emulare superman, fare foto o riprese o dedicarvi a corse ed evoluzioni.

FAQ e dettagli

DJI Spreading Wings




Un drone? No, un minielicottero a 6 o 8 rotori. Gigantesco e costosissimo, trasporta senza fatica grossi carichi in modo stabile, come ad esempio fotocamere full size. Ha un carrello estensibile e un raggio enorme. Vibra pochissimo, si può richiudere e trasportare - è pensato per chi con questo genere di aggeggio ci deve vivere e mangiare.

Difficilmente avevate in mente un aggeggio del genere quando avete fatto la lista di regali di Natale, ma valeva la pena inserirlo per completezza.

Vai al sito

Guida ai droni, Natale 2014: fascia media, 150-700 euro


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Contenuti 18 dicembre
Oggi ci troviamo a parlare della categoria “regina” dei droni volanti, quella che ospita i modelli più o meno raggiungibili ma il cui costo inizia a diventare piuttosto impegnativo. Ok, non parliamo di un’automobile, ma se volete portarvi a casa uno di questi apparecchi, dovreste sborsare diverse centinaia di euro.

Alcuni di questi sono anche gli apparecchi più facili e divertenti da far volare, va detto, anche se non potete sognarvi di lasciarli andare nella vostra camera da letto, a meno che non viviate in un magazzino industriale riqualificato. Si tratta di piccoli velivoli pensati per esplorare il cielo!

Latrax Alias


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Il costo è basso, ma il radiocomando è vero. Questo piccolo drone è robustissimo e ha delle pale enormi rispetto al suo snello corpo, che gli donano una stabilità e una manovrabilità inusuali.

Questo è forse il drone più economico con i controlli manuali su cui potete mettere mano, ma la videocamera ce la dovrete installare voi se la volete - e se ne avete una abbastanza piccolina.

Va bene anche per i giovani piloti, perché potete schiantare ogni singolo pezzo presente a bordo senza (troppe) lacrime. Sono tutti rimpiazzabili singolarmente.

Prezzo: €133 su eBay

Parrot AR Drone 2.0


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

La seconda generazione del drone di Parrot è una di quelle macchine che definiscono un mercato. Si pilota con un’iPhone o un’iPad, e ha tutta la tecnologia elettronica che si possa desiderare: accelerometri, giroscopi, stabilizzatori, magnetometri, sensori di pressione di ultrasuoni.

È un drone che vola molto bene, e può anche spedire in diretta il proprio feed video e registrarlo sullo smartphone. Al suo interno troviamo un processore da 1GHz a 32bit, 1GB di RAM e 2 videocamere.

Ha due difetti significativi: ha 2 anni, quindi è molto meno recente di altri concorrenti vivaci e potenti, e soprattutto, non si può controllare con un vero radiocomando. Niente controlli manuali significa niente vero addestramento a pilotare un drone “serio”.

Prezzo: €299 su Amazon

Parrot Bebop


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Saliamo di prezzo ma restiamo con Parrot. Il Bebop è l’erede dell’AR Drone, ed è tecnologicamente avanzatissimo. Più piccolo, si può comunque collegare al cellulare Android i iPhone, ma ha anche un telecomando per la modalità manuale.

Il suo sistema video è super avanzato, a 14MP fish eye che spara l’immagine stabilizzata direttamente sul vostro terminale, live. Il tutto mentre registra a 1080p, sia chiaro, anche se ci troviamo davanti a un tale livello di lag che non lo possiamo davvero pilotare in prima persona.

Un giocattolo davvero caro, ma molto avanzato.

Prezzo: €630 su eBay

TBS Gemini


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Il mio preferito della lista, anche se non posso dire di averlo mai visto dal vivo, è il Gemini di TBS. Ha sei pale, e fila come un caccia - è stato pensato per le gare di velocita, e se lo guardate un attimo quando è fermo in aria, noterete che è inclinato indietro: le sue eliche sono inclinate in avanti per farlo andare più veloce! Anzi, vi voglio dare un’idea:

Tutto è modulare e rimpiazzabile, cosa che serve parecchio se lo schiantate, e se il vostro hobby sono le corse First Person View, allora questo sistema è stato creato apposta per voi. È l’unico con queste caratteristiche che si compra già pronto per correre!

Prezzo: $650 sul suo sito

DJI Phantom 2


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Facilissimo da far volare, capace di stare in aria quasi mezz’ora, c’è poco da non amare in un DJI Phantom 2. Vedete quello strano aggeggio contenuto in una gabbia sulla sua pancia? Si tratta di un sistema per montare macchine fotografiche e videocamere come le GoPro.

Se andate a fare un tour di YouTube e cercate il nome di questo drone, scoprirete che ci sono moltissimi video. Questo perché la gente lo compra, e lo compra “in massa”, decretando il suo successo in un mercato ancora un po’ piccolo ma molto promettente. Il prezzo sembra alto, ma solo se non considerate che le feature di questo aggeggio si trovano solo su macchine che costano due o tre volte tanto.

Prezzo: €599 sul suo sito

Nei prossimi giorni proseguiremo con la categoria d'elite. Quanto siete disposti a spendere per un drone?

Guida ai droni, Natale 2014: fascia economica, quadricotteri sotto ai 100 euro


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Aggiornamento 12 dicembre 2014

Con questa seconda puntata affronteremo un argomento terribile, scabroso… Ovverosia, come mettere le mani su uno di questi fantastici droni senza dissanguarci, magari per fare un regalo a una persona speciale per la stagione di Natale 2014.

Oggi copriremo la fascia più economica di questi velivoli ad eliche multiple. Diciamolo chiaramente, si tratta di giocattoli più che di veri e propri droni, ma sono decisamente divertenti, almeno se si resta all’interno dei parametri. Di solito si tratta di piccoli aggeggi che esprimono il meglio di sé svolazzando in giro per casa.

Proto X


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Uno dei droni più piccolini sulla faccia della Terra, questa specie di calabrone elettrico sta sul palmo di una mano. Reso possibile dalla miniaturizzazione ed economia dei chip di oggidì, è capace di fare più o meno tutto quello che un drone “serio” sa fare. Le sue piccole eliche sono sicure, o lo fanno schizzare a una velocità insospettabile.

Prezzo: circa €24 su eBay o Amazon

Hubsan X4 V2 H107




Un rapporto qualità prezzo super conveniente, l’Hubsan è una bella bestia. Meno giocattolo e più drone, le sue performance sono adatte a chi vuole iniziare ad avventurarsi in questo fantastico mondo senza spendere un capitale. Aspettatevi comunque di “schiantarlo” in giro dappertutto, perché imparare a volare con i droni è tutto meno che intuitivo. Il suo più grosso difetto, però, è che la batteria non si può rimuovere, e dura in aria solo 5 minuti. Aspettatevi lunghe pause di riflessione tra una sessione e l’altra

Prezzo: circa €47 su Amazon

Parrot Rolling Spider




Fantastico e diventente, questo simpatico aggeggio è dotato di un paio di rotellone che gli consentono ci correre su e giù per i muri e lungo i soffitti in stile “Spiderpork”.
Questo drone dà il meglio di sé al chiuso, ma fate attenzione, le sue ruote ovviamente possono sfasciarsi contro un muro.

Prezzo: €99.90 su Amazon

Nano QX RTF


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Su questa fascia di prezzo questo drone risulta quasi imbattibile, per chi è disposto a spendere circa 100 euro. È un “muletto”, robusto con dei paraurti che evitano alle eliche impatti troppo violenti. I controlli sono studiati per facilitare l’utente inesperto, e si può ridurre la sensibilità in una particolare modalità smart definita “SAFE”, che impedisce input troppo violenti e rende il drone super-stabile.

Prezzo: circa €60-70 su eBay

Tra qualche giorno esploreremo la fascia di prezzo media - e qui inizieremo a parlare di droni seri!

10 dicembre 2014

Guida ai droni, come sono fatti, cosa dovete cercare


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Quella dei droni adatti ad un consumer o un professionista delle foto o delle riprese è letteralmente una selva: ci sono nomi noti, startup e semplici affaristi spammer che vogliono rivendere i quadricotteri degli altri con un margine di guadagno.

Ci sono anche significative differenze nelle fasce di prezzo, tra giocattoli adatti anche ai bambini e “bestioni” capaci di trasportare una videocamera che costano migliaia di euro. In cosa consistono le differenze? Quali sono i più adatti come regalo da far trovare sotto all’albero di Natale quest’anno? Cercheremo di fare un po’ di luce su questi apparecchi comandati in remoto per cercare quello che fa proprio per voi.

Che cos’è un drone?

Il termine “drone” è - come sempre succede quando la cultura popolare si appropria di una parola - poco appropriato. I droni di cui parliamo in questo articolo sono quelli disponibili al pubblico: piccoli velivoli dotati di eliche multiple (ovverosia un "multirotore"), generalmente (ma non esclusivamente) quattro. Per questa ragione la maggior parte dei droni viene definita “quadricottero”, “quadcopter” oppure semplicemente “quad”. Da non confondere con i veicoli off-road a quattro ruote, mi raccomando!

Il design con le eliche multiple consente al drone incredibile agilità ed evoluzioni aeree impossibili a un normale elicottero. Questa forma particolare, inoltre, quando è coadiuvata da un computer mantiene un drone stabilissimo in volo, come un grosso calabrone elettronico. La sua condizione standard, in effetti, è quella di essere apparentemente "fermo in aria" quando non sta ricevendo istruzioni dal suo utente.

Come si controlla un drone?


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

I droni si comandano in due maniere fondamentali: o attraverso un tablet o smartphone, oppure attraverso un radiocomando non dissimile da quello degli aeromodelli. Un drone quasi sempre è dotato di motori elettrici alimentati da pacchi di batterie. Nessun drone ha una autonomia spettacolare, che viene ulteriormente limitata dal peso delle batterie più capienti.

Quanto è grande un drone?




Le dimensioni di un drone sono estremamente varie. Generalmente un drone più grande costa più di un drone piccolo, per la semplice ragione che ha bisogno di motori più grossi e di batterie più capaci.

I droni più piccoli sono larghi all’incirca una spanna, e di solito hanno funzioni molto basiche. Il loro costo è inferiore ai 50 euro, e molti sono più che altro dei giocattoli per bimbi un po’ più grandicelli (talvolta bimbi già pienamente nei loro “-anta”, ma questa è un’altra storia).

I droni più grandi sono generalmente delle vere e proprie piattaforme volanti personalizzabili, a volte venduti in kit da montare secondo necessità. Sono in grado di trasportare equipaggiamenti elettronici come videocamere GoPro e alcuni di essi possono anche offrire un’esperienza “in prima persona”. Alcuni al top della tecnologia sono in grado di volare a 80kmh e di registrare video in 4K, e hanno dei giunti cardanici per fare da “steadycam”.

Qual è il drone giusto per me?


Droni, guida all'acquisto Natale 2014

Se siete al primo drone in assoluto, allora c’è una caratteristica fondamentale da tenere a mente, che deve per forza condizionare il vostro acquisto: dovete trovare un apparecchio facile da pilotare. Dovete sapere che nessun cervello umano potrebbe tenere in aria quell’aggeggio, e solo il suo computer di bordo lo rende capace di restare stabile con micro-aggiustamenti continui.

Purtroppo questa consapevolezza non aiuterà affatto il vostro portafoglio, perché alcuni dei droni più facili da pilotare sono anche quelli più cari. I più amichevoli in assoluto sono alcune unità presenti nella zona che raggiunge e supera gli €500. Allo stesso tempo però, ci sono apparecchi “decenti” da €50 che sono divertenti da far svolazzare in giro per casa, ma sono dei semplici giocattoli. Possono insegnarvi alcune basi, ma un vero drone è un’altra cosa, e richiede un certo investimento: l’apparecchio, il radiocontrollo e i pacchi di batterie sono il minimo sindacale per diventare un pilota di droni.

Se siete super seri a riguardo del comprare un drone “importante”, c’è un ultimo consiglio che va dato: trovate altri appassionati nella zona e fatevi aiutare a scegliere e a imparare a farlo volare.

Nei prossimi giorni Gadgetblog esplorerà le varie fasce di prezzo e vi darà qualche suggerimento sui droni più piacevoli e divertenti da far volare, quindi restate con noi fino alla fine del viaggio - e saprete cosa chiedere a Babbo Natale.

  • shares
  • Mail